Il nuovo modo di leggere Napoli

“Caro Babbo Natale, ti scrivo…”: le letterine dei napoletani

di / 0 Commenti / 435 Visite / 24 dicembre, 2016

babbo_natale_009-1-e1448542592490-1280x679 Natale è una festa fatta soprattutto di tradizioni e la letterina a Babbo Natale è un must intramontabile, non solo per i bambini.

Tantissimi gli adulti che si lasciano andare a sfoghi, richieste, riflessioni e sogni ad occhi aperti da indirizzare al panciuto vecchietto dalla folta barba bianca.

Queste le lettere a Babbo Natale dei fan della pagina “Il Vrenzolario-The original”:

“CARO BABBO NATALE TI SCRIVO: visto che sono tanti anni che ti chiedo sempre la stessa cosa, cioè quella di farmi diventare magra, quest’anno cambio musica. Fa che tutti diventino un po’ più cicciottelli, così, quando esco per strada, mi sento più a mio agio e non devo necessariamente dimagrire… caro babbo natale, io ho provato a fare da me, credimi, ogni lunedì mattina inizio con buoni propositi, ma alla sera già mi passa la voglia e mando all’aria tutto. Caro babbo natale, te lo chiedo per favore, esaudisci il mio desiderio, fa che le tavole di tutte le case e le pance di ogni singolo essere umano, siano piene di tante cose buone, alla vigilia, a natale, a santo Stefano e per tutti i giorni a seguire. Fa che nessuno più soffra la fame, e che nessuno più debba elemosinare cibo. Caro babbo natale, a me di dimagrire non me ne frega niente, voglio solo che nessuno più soffra la fame. Ciao babbo nata’ accuntientame pe’ na’ vota!”

“Caro Babbo Natale Ti Scrivo perché vorrei chiederti una cura per tutte quelle malattie che ci fanno tanta paura, per quelle malattie che ci portano via le persone a noi care. Purtroppo siamo tutti sotto lo stesso cielo e potrebbe capitare a chiunque (facendo i dovuti scongiuri), ma la cosa che fa più male è la consapevolezza di avere una data di scadenza, e tu devi semplicemente aspettare, impotente di fare qualcosa, così insignificante e inutile stai là ad aspettare che tutto finisca. Magari un miracolo, magari una cura, magari salvare tante persone che si ritrovano a perdere tutto da un momento all’altro. Buona Natale Babbo!! Tua Luisa”

“Caro Babbo Natale quest’ anno vorrei poter vedere sorridere tutti i bimbi del mondo e non sentire piu di bimbi morti su una spiaggia perché speravano in un futuro senza bombe e invece il destino è stato più crudele….non si possono vedere i video di quei bimbi ad Aleppo che hanno scampato la morte ma che hanno gli occhi cosi impauriti e tristi da spezzarti il cuore, non si può vedere il corpicino di una bimba con affianco la sua bambola li sul suolo perché un terrorista ha deciso così! Babbo Nata’ miettec a man toie!!!”

“Caro babbo natale: ogni anno la stessa latania…ma nun sient o fors a letterina mij nun t piac perché nzevata ruogl?!?! Io ti scrivo mentre frivo i pamzarotti e le zuppulelle inta a pizzeria e papà io tutt o blocc vogl il forno per i bambini accussi mi imparo pure io a fare le pizzelle come a papà…ma so 10 anni che te lo chiedessi e tu non me lo porti mai…mo tengo 18 anni e nun fa che proprio chist ann mo puort tanto io mo ho il forno quello di papà…grazie …p.s. Si passi dalla mia pizzeria ind a nuttat ti lascio zeppole e panzarotti e na birr accussi fai natal pur tu… baci”

“Visto che questo natale sono senza lavoro e senza soldi…non è che per caso a gennaio potresti farmi trovare un lavoro come benzinaio? Accussì mett a benzin dint a machin e vag a faticà? Grazie in anticipo babbonatà!”

“Caro Babbo Natale Ti Scrivo perché vorrei chiederti una cura per tutte quelle malattie che ci fanno tanta paura, per quelle malattie che ci portano via le persone a noi care.”

“Caro babbo natale chist ann lascia sta non è cosa… sto senza n euro e se vien a casa mia non te pozz fa truva ‘manc a zupp e latt che biscott ngopp o tavl. .. Cia’ babbo nata ‘facc sta Buon e basta”

“Caro babbo natale, vorrei una città con meno menefreghismo. Napoli potenzialmente avrebbe da offrire più di ogni altra città italiana, eppure è abbandonata a se stessa dai suoi cittadini. Qui difficilmente trovi qualcuno che si preoccupa del prossimo. Ognuno pensa a se incurante del fastidio che può arrecare agli altri. Li hai visti, ad esempio, come I napoletani guidano? Macchine che sostando occupano una corsia intera mettendo in pericolo gli altri guidatori; macchine che arrivano in contromano; macchine che non danno la precedenza. E da come la gente guida capisci quanto sia strafottente. Caro babbo, regala un po’ di sani principi a questa città, sprecata da molti, se non dalla moltitudine dei suoi coinquilini. Buon Natale babbo. Buon natale.”

“Caro Babbo Natale quest’ anno vorrei poter vedere sorridere tutti i bimbi del mondo e non sentire più di bimbi morti su una spiaggia perché speravano in un futuro senza bombe e invece il destino è stato più crudele….”

“Caro babbo natale…. siccome ogni anno ti scrivo e non mi porti mai quello che voglio… cagn fatic è meglj”

“Ti scrivo per dirti: visto che nel sorteggio #mainagioia stiamo contro il Real Madrid, nun se po’ fa nient’ p’apparà??? Ci sta il calciomercato, m’arraccumann!!!”

“Caro babbo natale : ogni anno la stessa latania…ma nun sient o fors a letterina mij nun t piac perché nzevata ruogl?!?! Io ti scrivo mentre frivo i pamzarotti e le zuppulelle inta a pizzeria e papà io tutt o blocc vogl il forno per i bambini accussi

“Caro Babbo Natale Napoli 3 Real Madrid 0”

“caro babbo natale quest’anno vorrei ‘na gioia”

 

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)