Il nuovo modo di leggere Napoli

4 aprile 1991: la camorra uccide Salvatore D’Addario, il poliziotto intervenuto per fermare una sparatoria

di / 0 Commenti / 378 Visite / 4 aprile, 2017

salvatore%20daddario Napoli, 4 Aprile 1991 – Salvatore D’Addario, Assistente della Polizia di Stato del Compartimento Polizia Postale di Napoli, muore in seguito alle terribili ferite subite sei giorni prima in seguito ad un conflitto a fuoco con alcuni camorristi. Il 30 Marzo, D’Addario, mentre non era in servizio, cercò di bloccare un gruppo di camorristi che a bordo di un furgone stavano cercando di assassinare un rivale. Intervenuto e qualificatosi come Agente di Polizia, D’Addario venne ferito. Il poliziotto rispose al fuoco, ma venne travolto dall’automezzo guidato dai criminali, i quali vennero arrestati poco dopo da altri agenti.

Il poliziotto non era in servizio e si trovava, insieme alla moglie e ai due figli, in un negozio di Porta Nolana, quando si accorse di una sparatoria in strada tra i killer del clan Mariano e i sicari del gruppo ribelle, capeggiato da Antonio Ranieri e Salvatore Cardillo.

L’agente era fuori servizio, ma non esita a mettere al sicuro i familiari, per poi provare a fermare tre uomini armati di pistola, che prima gli sparano al braccio e alla gamba e poi, per coprirsi la fuga, lo investono con un furgone, schiacciandolo contro un palo dell’Enel. Malgrado le ferite, D’Addario riesce a sparare a sua volta e a rallentare la corsa di uno degli assassini, permettendone la cattura ad opera di una volante poco distante. Trasportato d’urgenza in ospedale, l’uomo subisce anche l’amputazione della coscia, che non serve però a salvargli la vita.

Salvatore D’Addario si spegne dopo due giorni di agonia all’ospedale “Loreto Mare”.

L’ennesima vittima innocente della furia omicida dei camorristi dei Quartieri Spagnoli, all’indomani della strage del Venerdì Santo, l’ennesima vita spezzata dalla “dimostrazione di forza” che il boss Ciro Mariano voleva impartire ai suoi ex affiliati per riaffermare la propria leadership criminale e neutralizzare qualsiasi tentativo di scissione del clan. Catturato un anno dopo i fatti, uno dei killer chiederà scusa alla vedova del poliziotto eroe, Maria Pia Borrelli, attraverso una lettera pubblicata dal quotidiano “Il Roma”, scrivendo, tra l’altro: «Sarebbe troppo facile chiedere a lei, ai suoi figli e a tutti il perdono. Mi sento profondamente addolorato, questo mio gesto di pentimento mi auguro che potrà renderle giustizia unitamente ai suoi cari facendo sì che tutti i colpevoli di questo insano gesto scontino la giusta pena».

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)