Il nuovo modo di leggere Napoli

21 aprile 1982: ucciso a Torre Annunziata il 19enne Luigi Cafiero, vittima di uno scambio di persona

di / 0 Commenti / 39 Visite / 21 aprile, 2017

luigi_cafiero Torre Annunziata (Napoli), 21 aprile 1982 – Luigi Cafiero, 19 anni, studente del il liceo scientifico Pitagora di Torre Annunziata, viene assassinato a Torre Annunziata, in via Andolfi, raggiunto da undici colpi d’arma da fuoco, mentre era in auto con la fidanzata.

Quattro uomini armati di pistola, si avvicinarono all’auto di Luigi e gli urlarono: «Sei Antonio?». Senza attendere la risposta, esplosero contro di lui undici colpi d’arma da fuoco che lo freddarono all’istante. La fidanzata fu raggiunta da altri cinque colpi di pistola e rimase ferita.

Solo undici anni dopo, in seguito alle dichiarazioni di un collaboratore di giustizia è stato accertato che si trattò di un errore di persona.

A “condannare” Luigi fu la sua somiglianza con un´altra persona, un certo Antonio, che evidentemente aveva un conto in sospeso con la malavita. Un errore, dunque, costato la vita a una giovane vittima innocente della criminalità.

Il processo, iniziato sulla base delle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Maiolino, si risolse con l’assoluzione degli accusati non considerando, in questa occasione, il collaboratore un testimone attendibile.

In occasione dell’anniversario della morte di Luigi Cafiero, la Città di Torre Annunziata e l’associazione Libera “Raffaele Pastore e Luigi Staiano”, propongono il Consiglio Comunale dell’Infanzia per giovedì 20 Aprile 2017 alle ore 11.30, alla Scuola Parini/Rovigliano, Via Mortelleto n. 81, con Sindaco dell’Infanzia, Michele Scognamiglio, il Sindaco della Città Starita, il Presidente Gagliardi, la Preside Zeppetella.

Mentro propongono il Consiglio Comunale dell’Adolescenza per venerdì 21 Aprile 2017 alle ore 11.30, alla Scuola Marconi/Galilei, Via Roma, Traversa Siano, con il Sindaco dell’Adolescenza, Alessio Oliva, Sindaco Starita, il Presidente Gagliardi, Liberato Cafiero, fratello di Luigi, la Preside Cocurullo.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)