Il nuovo modo di leggere Napoli

9 agosto 1991: assassinato il magistrato Antonino Scopelliti

di / 0 Commenti / 34 Visite / 9 agosto, 2017

antonino-scopelliti_fotogramma-kgwf-835x437ilsole24ore-webCampo Calabro, 9 agosto 1991 – Antonino Scopelliti, Magistrato di Cassazione, stava lavorando al maxiprocesso a Cosa nostra.
Lo hanno ucciso con una P38, il colpo di grazia sparato a bruciapelo, sulla provinciale tra Villa San Giovanni e Campo Calabro (RC).

Un omicidio eccellente, che pose fine alla seconda guerra di ‘ndrangheta.
Scopelliti era al lavoro sui faldoni del maxiprocesso a Cosa nostra, istruito negli anni ’80 da Giovanni Falcone. È sulla pista siciliana che si sono sempre indirizzate le indagini: un accordo tra mafia e ‘ndrine, uno scambio di favori che portò alla pax tra le cosche reggine in guerra. Scopelliti ricevette pressioni per “ammorbidire” le sentenze di condanna ai boss siciliani, ma rifiutò con fermezza ogni ingerenza.
Come mandante fu condannato in primo grado Pietro Aglieri, assolto nel 1999 dalla Cassazione. Ad oggi il delitto Scopelliti è senza colpevoli.
Alla memoria del giudice è dedicata la Fondazione Scopelliti, animata dalla figlia Rosanna.

 

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)