Il nuovo modo di leggere Napoli
video

VIDEO-“La Cantina di Leonessa”: l’enoteca più assortita e fornita della Campania ai piedi del Vesuvio

by / 0 Comments / 314 View / 27 ottobre, 2017

17190608_1339190426103956_4593640052040736943_nIl “Ristorante Del Pino” può essere definito un tesoro della ristorazione ricco di perle, tutte da scoprire.
La cucina all’aperto che permette ai clienti di assistere ad un perenne show cooking, mentre gli chef preparano i piatti che hanno ordinato, la pescheria e la macelleria che, ogni giorno, assicurano ai clienti ampie selezioni di prodotti di qualità, un’ampia pizzeria, il ricco buffet, sia dolce che salato, “la stanza del dolce”, ampia l’offerta per i celiaci, dal ristorante alla pizzeria, passando per i dolci, e perfino la cantina di vini più assortita e fornita della Campania. 20953625_1512022665487397_3237276082908163262_n
Tanti elementi che decretano un verdetto insindacabile: il “Ristorante Del Pino” è un’eccellenza in termini di enogastronomia, oltre che una delle realtà imprenditoriali più quotate ed apprezzabili, non solo tra le mura della Campania.

“La Cantina di Leonessa” nasce dalla passione di Oscar Leonessa, figlio di Mario, proprietario del “Ristorante Del Pino” oltre che pioniere di un nuovo e vincente modello imprenditoriale legato all’enogastronomia. Una passione grande, quella che Oscar nutre per il vino che ben presto ha incontrato l’esigenza del ristorante di equiparare l’offerta del food con quella del wine: l’offerta del food, tra le mura del ristorante di Via 18447221_1410409518982046_2550738435780156289_nDon Minzoni a Cercola, è ampia, vastissima: “Puoi venire qui e scegliere di mangiare quello che vuoi e volevamo dare quest’opportunità anche per il vino, – spiega Oscar Leonessa – per permettere ai nostri clienti di scegliere anche tra tanti tipi di vino, quello da abbinare al pranzo o alla cena e presto lo faremo anche con le birre. La cantina è a disposizione dei clienti in tutto e per tutto: per i clienti del ristorante che vogliono aprire la bottiglia a tavola per esaltare il gusto del pasto con un buon bicchiere di vino o solo per stuzzicare qualcosa per accompagnare il vino, ma anche per l’asporto, quindi, per comprare il vino da portare a casa o per fare dei regali.”

Come vengono scelti i vini?

“I vini li scelgono i nostri clienti: la cantina è stata attrezzata in base alle loro richieste, man mano che i nostri clienti ci chiedono di aggiornarla con altri vini, provvediamo a farlo. Nella nostra cantina ci sono i vini più conosciuti d’Italia: per il 98% sono vini italiani, quindi è dominante la prevalenza di vini nazionali, quindi i vini più richiesti, venduti e famosi in Italia, con una preferenza verso la Campania. I vini, inoltre, sono suddivisi in base alle regioni: c’è un intero angolo dedicato alla Campania, ho dedicato un piccolo caveau alla mia azienda preferita, Gaja, una piemontese. Un altro piccolo caveau ai 18519891_1410409512315380_958804051767312255_nsuperTuscan e poi un altro piccolo caveau di riserva per annate speciali, vini vecchi e da collezione. Dico con orgoglio che la nostra è tra le cantine più assortite e fornite della Campania, sia per quantità che per numero di etichette.”

Una competenza che Oscar ha maturato da autodidatta:Si, la passione che nutro da sempre per il vino mi ha portato a creare la cantina che curo personalmente, con il supporto di Carmine, uno dei tanti dipendenti del “Ristorante Del Pino” che mi segue con altrettanta passione ed interesse per tutto quello che riguarda questo settore e a lui rivolgo un ringraziamento speciale. Ho riprodotto anche a casa una piccola cantina con le stessa caratteristiche della “Cantina di Leonessa”: refrigerata, con il motore che tiene la temperatura controllata, perchè, ovviamente, nella nostra cantina l’umidità e la 17190629_1339190416103957_6425252777958061418_ntemperatura sono controllate, per conservare al meglio il vino.
Non ho mai seguito corsi, ho maturato questa passione prendendo informazioni da tanti esperti e competenti del settore e imparando “sul campo” tutto quello che c’è da sapere. E’ un po’ come quando vuoi imparare una lingua: puoi studiare quanto vuoi, ma se non vai sul posto e ti cimenti “sul campo”, non riuscirai mai a portare a casa l’obiettivo. E’ la pratica che ti permette di capire la differenza tra un vino e l’altro. Quindi, invito tutti i clienti che desiderano accompagnare i loro pasti con una delle bottiglie della nostra cantina, a chiedere di Oscar per usufruire dell’esperienza e delle competenze che ho maturato, permettendomi di consigliarli al meglio e guidarli verso la scelta dei vini più adeguati da abbinare alle portate che gusteranno.”

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)