Il nuovo modo di leggere Napoli
video

Dalla pizza da 350 calorie all’impasto alla canapa: è un boom di sorprese il menù estivo di PalaPizza

by / 0 Comments / 271 View / 27 luglio, 2018

img-20180724-wa0011Una location originale e suggestiva, dove la cura del dettaglio è la costante che si ripete, dagli arredi alle portate. Nulla è lasciato al caso, tra le mura di “PalaPizza – Il Palazzo della Pizza” in Via Vittoria, 36 a Frattamaggiore, una delle pizzerie più in voga tra i palati fini campani.

Frutto del talento, dell’esperienza e della passione per l’antica arte bianca del pizzaiolo Enrico Di Pietro, PalaPizza è un locale che ben si presta ad ospitare anche eventi, feste e ricorrenze che meritano di essere celebrate in maniera speciale. Diversi i punti di forza sui quali si basa una realtà florida e consolidata del settore della gastronomia: un menù semplice e al contempo ricercato, curato nei minimi dettagli, frittura rigorosamente artigianale e la costante voglia di sorprendere e stuzzicare i palati, così come comprova il menù estivo firmato PalaPizza.

10 pizze fuori menù, ciascuna delle quali presenta un tratto particolare, distintivo e caratteristico, tutte accomunate da gusti alternativi, leggeri e freschi.
Le 10 pizze estive proposte da Enrico Di Pietro rappresentano un autentico inno all’estate che con spontanea semplicità elogiano ed esaltano le eccellenze campane e non solo.

Ogni pizza, infatti, è frutto di uno studio finalizzato al conseguimento di un obiettivo ben preciso: esaltare i sapori del prodotti proposti.
Di seguito le 10 pizze estive proposte da “PalaPizza – Il Palazzo della Pizza”:

Pizza Borghese: più che di una pizza, si tratta di una sfoglia frutto di una doppia cottura, una sorta di fresella di produzione PalaPizza dal peso di 120 grammi. La doppia cottura in forno a legna assicura alta digeribilità e l’abbattimento al 100%dei lieviti. All’uscita, la fresella viene condita con pomodorini conditi con olio extravergine e fette di mozzarella di bufala. Leggera e freschissima, siamo al cospetto di una pizza da appena 350 calorie: la portata ideale per chi si prepara alla prova costume senza intendere rinunciare ai piaceri della tavola.

Pizza da spiaggia

Pizza da spiaggia

Pizza da spiaggia: nata letteralmente sotto l’ombrellone, mentre il pizzaiolo Enrico Di Pietro era al mare con la famiglia e, quindi al momento del pranzo, la suocera ha proposto un panino che può definirsi un classico intramontabile della cultura “On the beach” di casa nostra: provola di Agerola, cotoletta di pollo e peperoncini verdi. Questi i sapori e i profumi che il pizzaiolo frattese ha scelto di adagiare su questa pizza per servire in tavola un’altra originale emozione estiva in versione food.

– Diavola mandorlata: Bocconcini di Bufala sciolti al forno, in uscita Olio Evo, Prosciutto crudo di Parma, julienne di Caciotta piccante, petali di Mandorle, glassa di Aceto balsamico, Basilico fresco. Una pizza dal gusto molto fine e delicato, seppure ricca di ingredienti. Caratterizzata da una gradevole alternanza di sapori: dolce, salato, croccante. Un mix di consistenze e gusti che ad ogni boccone assicura un’esperienza gastronomica imperdibile!

Diavola mandorlata

Diavola mandorlata

Pizza Tonnara: realizzata su impasto alla canapa, una variante dai principi nutrivi importanti, equiparabili a quelli contenuti in un pesce, si tratta di una pizza tutt’altro che banale: mozzarella di bufala alla quale si aggiunge all’uscita un letto di rucola, filetti di tonno, pomodorini del piennolo rosso, datterini gialli, provolone del monaco. In questo caso, l’alternanza di sapori tra il gusto deciso del provolone, l’acidità dei pomodori, la freschezza del tonno e della rucola, crea un gioco di contrasti e di sapori che sa fare la differenza.

Marinara di baccalà

Marinara di baccalà

Marinara di baccalà: un appuntamento con due must della storia gastronomica nostrana, la cui fusion di sapori consente di sfornare una pizza molto originale e dal sapore unico.
Baccalà saltato in padella con Pomodorini Freschi e Capperi di Pantelleria, Olive nere di Gaeta, Olio Evo, Basilico fresco: un piatto classico della tradizione gastronomica partenopea cotto in padella e riversato sulla pizza, prima della classica cottura al forno.

 

 

– Caprese rivisitata: sughetto con pomodorini gialli e rossi saltati in padella, riversato sulla focaccia e mozzarella di bufala a fresco: un contrasto caldo/freddo da leccarsi i baffi!

Margherita estiva

Margherita estiva

Margherita estiva: Enrico Di Pietro non poteva dimenticare di allacciare bikini e pareo alla regina delle pizze per eccellenza. E così la sua Margherita si è vestita d’estate, nella sua variante più fresca: Pomodoro San Marzano Dop, Olio Evo, Mozzarella di Bufala a crudo.

Bella d'estate

Bella d’estate

– Bella D’Estate: un classico intramontabile, ma sempre apprezzatissimo che porta in tavola alcuni dei sapori più autentici dell’estate. Una focaccia sulla quale vengono adagiati pomodorini conditi con Olio Extravergine d’oliva, Mozzarella di bufala e Alici di Cetara, rigorosamente all’uscita dal forno.

Sole di baccalà: una pizza presentata nel corso dell’edizione 2018 del Napoli Pizza Village, destinata a rimanere scalfita nella mente di tutti coloro che ne sentiranno parlare, ancor più capace di conquistare un posto nel cuore di chi l’assaggia! Salsa di datterino giallo, tocchetti di baccalà fritto e cipollina croccante: sapori semplici, ma irresistibili che fanno di questa pizza una vera prelibatezza.

Mortazza agrumata

Mortazza agrumata

Mortazza agrumata: potrebbe essere definita la versione estiva della sempre più richiesta e popolare pizza con mortadella e pistacchio.
Fior di latte di Agerola cotto in forno, all’uscita pesto di Pistacchio, Mortadella bolognese IGP à la julienne, granella di nocciole, scaglie di limone ed olio Evo. Un mix di sapori che sta riscuotendo un tripudio di consensi.

E non è tutto: è possibile scegliere tra 4 tipologie di pizze, quindi tra una base di pizza fritta, una sfoglia di 120 grammi della celeberrima “impicciosa”, impasto alla canapa o anche integrale e il classico impasto tradizionale a 24 o 36 ore di lievitazione.

Davanti a questa carrellata di invitanti prelibatezze, come si fa a scegliere la pizza da ordinare?
Niente paura, le 10 pizze fuori menù possono essere ordinate anche in formato degustazione, per poter assaggiare diverse tipologie insieme ai vostri commensali.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)