Il nuovo modo di leggere Napoli

Posillipo: cittadini in rivolta formano comitato per chiedere manutenzione stradale al comune

di / 0 Commenti / 48 Visite / 8 febbraio, 2019

a00d652b-fe95-47d5-a165-94dd6fcc44deDegrado ed abbandono: due costanti che si ripetono non solo lungo le strade periferiche della città di Napoli, ma anche in alcune zone di uno dei quartieri più rinomati della città, come Posillipo.

Strade interrotte, muri e parapetti crollati, illuminazione scadente, scarsa pulizia delle strade, abbandono di rifiuti: questo è quanto si rileva, infatti, lungo il percorso individuato da via del Marzano, via Villanova e via Porta Posillipo.

I residenti in zona si sono riuniti nel comitato “Marzano e Villanova” per chiedere a gran voce che la situazione ritorni alla normalità.

Un calvario che ha avuto ufficialmente inizio a gennaio del 2015, quando un muro di tufo crollò, impedendo il transito per la strada. Un episodio che si andava ad aggiungere a quanto già accaduto nel 1997, quando crollarono due muri nella stessa zona impedendo ad alcuni residenti di raggiungere le proprie abitazioni.
Una situazione paradossale, aggravata dall’assenza di interventi del Comune di Napoli, da allora attento esclusivamente a risolvere un contenzioso giudiziario con il proprietario del fondo dal quale crollò il muro.

In attesa che si concluda la diatriba giudiziaria, i residenti da anni lamentano difficoltà legate alla circolazione veicolare: è quasi impossibile effettuare inversioni di marcia a causa della stretta carreggiata, a meno che non si faccia manovra nei cortili privati, come si è verificato in occasione di interventi di ambulanze.

Dall’ultimo crollo è aumentato il dissesto in molti punti del percorso stradale e si è azzerata la manutenzione. I muri in tufo, antichissimi, sono visibilmente provati dall’erosione naturale e necessitano di manutenzione straordinaria.

Una parte di via del Marzano, in cui rientra anche il tratto chiuso alla circolazione, è addirittura sprovvista di rete fognaria: non esiste un sistema efficiente di drenaggio delle acque e in alcuni punti le caditoie sono sepolte da terra e vegetazione, ulteriore fattore che incide sull’erosione dei muri e sulla probabilità di futuri crolli. Da febbraio 2015 alcuni residenti hanno intensificato i contatti con la Prima Municipalità e con l’Assessorato alle infrastrutture, tentando di aprire un dialogo anche con il Sindaco, ma dopo quattro anni la strada è ancora in attesa degli interventi necessari a ripristinare una situazione normale e decorosa per una strada del centro storico cittadino.

I cittadini non riescono più a sopportare le condizioni di degrado, di sporcizia e di pericolo in cui si trovano queste vie; da qui la determinazione a riunirsi in Associazione per meglio rappresentare i propri diritti.
A seguito di riunioni pubbliche e del nucleo provvisorio di lavoro che si sta costituendo, sono, infatti, già stati individuati alcuni obiettivi immediati ed urgenti: il ripristino della viabilità interrotta dal febbraio 2015; l’eliminazione dei pericoli incombenti su persone e cose (muri e parapetti crollati o pericolanti); l’ordinaria e straordinaria pulizia della strada per l’eliminazione dei rifiuti, delle piante spontanee, dei fanghi e dei residui organici, ormai stratificati da anni; il controllo delle attività dell’Asia e degli altri enti, per evitare interventi parziali, sciatti ed approssimativi; il ripristino dell’illuminazione e l’installazione eventuale di videocamere per il controllo e la sicurezza; trovare soluzioni che evitino gli ingorghi stradali e l’impossibilità di raggiungere le case a causa della sosta selvaggia soprattutto da parte di chi non abita in queste strade; proporre iniziative culturali per la valorizzazione e promozione dell’antico percorso della via Antiniana – per colles, che consente anche di raggiungere via Posillipo attraverso la pedamentina di via Villanova.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)