Il nuovo modo di leggere Napoli

I “frullati di pensieri” che sguazzano nella testa dei giovani

di / 0 Commenti / 408 Visite / 22 luglio, 2014

sogniDopo una giornata piena di divertimento con gli amici, sgomita un certo tipo di spensieratezza che non è fine a sé stessa.

Succede che la sera, quando si va a dormire, inevitabilmente, i pensieri si mescolano ai propri sogni rinchiusi nel cassetto da chissà quanto tempo.

Il lavoratore penserà a come rendere più proficua la sua attività, una mamma penserà a come prendersi cura del proprio bambino, il ragazzo penserà al proprio futuro.

Così, la spensieratezza si trasforma in un vagone di domande, dubbi e ambizioni coraggiose.

Per lui far sì che i propri sogni si realizzino è un’impresa non di poco conto, è un gioco difficile, un gioco d’azzardo dai risvolti epici.

La strada è contorta, pericolosa, ma è curioso di sapere dove arriva, capire se il suo ingegno lo aiuterà, se la sua coscienza sarà in grado di percorrere questa strada tortuosa, piena di insidie.

Eppure, risulta così affascinante da non poterne fare a meno.

Bisogna prendere per mano il proprio sogno, così come una mamma attenta fa col figlio e accompagnarlo verso la propria meta, perché quella meta in cui è insito il raggiungimento dello scopo, non è mai impossibile.

Dunque, quando la sera il ragazzo va a dormire, dopo una giornata di divertimento, vaga con la mente in cerca di qualcosa di straordinario che ancora deve accadere e sa che per realizzarlo dovrà avere tanta buona volontà.

Il detto “cogli l’attimo” è davvero da prendere alla lettera.

Non farsi sfuggire nulla che potrebbe migliorare la sua vita è l’imperativo che accompagna quel ragazzo dotato di ingegno, sebbene sia messo ko da una società che in definitiva non fa altro che persuaderlo alla nullafacenza.

Quando quel ragazzo va a letto, non poggia la testa sul cuscino e dorme, un’orbita di pensieri lo invade e sarà sempre così, fin quando la sua vita avrà un risvolto serio, fin quando la sua quotidianità non sarà incentrata solo sul divertimento, ma anche su un impegno sociale e un ruolo importante, insomma sulla realizzazione di almeno uno dei sogni riposti in quel fatidico cassetto.

La vita è un treno in corsa, guai tentare di fermarlo, piuttosto corri veloce, cadi, rialzati con le tue gambe graffiate e fai di tutto per agganciarti a quel maledetto treno!

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)