Il nuovo modo di leggere Napoli

“Il viaggio della speranza” di Emanuele termina con una delusione

di / 0 Commenti / 65 Visite / 20 novembre, 2014

image2-300x132All’incirca due settimane fa, vi avevamo raccontato del “viaggio della speranza” intrapreso da Emanuele Scifo, il 33enne originario di Battipaglia affetto da una malattia rara che dopo non poche vicissitudini è riuscito a partire alla volta di Miami per scoprire se poteva sottoporsi ad un intervento salvavita.

Quel viaggio tanto sognato, sofferto e conquistato per Emanuele Scifo si è rivelato una sconfitta. A quanto pare, infatti, dall’America non sopraggiungono notizie confortanti e pertanto l’infermiere di Battipaglia dovrà rientrare in Italia.

Infatti i medici del ‘Jackson Memorial Hospital’ di Miami, dopo una fase di valutazione hanno concluso che Scifo non potrà essere inserito nella lista trapianti a causa delle attuali condizioni fisiche.

Il giovane combatte da più di nove anni contro la Cipo, un’ostruzione cronica intestinale. Si nutre per via parenterale, ma continua a perdere peso. Un costoso intervento negli Usa, circa un milione di euro, sarebbe stata una delle poche soluzioni a disposizione di Emanuele.

Il ragazzo ci tiene comunque a far sapere che continua ad essere sereno in quanto sa di aver fatto tutto ciò che era umanamente possibile per affrontare la sua malattia e ora si affiderà al Signore, affinché il trapianto negato in America, possa essere effettuato in Italia. Emanuele, appena farà ritorno a casa, risulterà nuovamente al primo posto nella lista trapianti e sarà seguito, come durante tutto il percorso diagnostico e terapeutico, dai medici dell’ospedale ‘Sant’Orsola’ di Bologna.

La sua “corsa contro il tempo” così come la sua battaglia per sopravvivere sono tutt’altro che concluse, nonostante il responso negativo di Miami.

Per saperne di più, clicca qui

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)