Il nuovo modo di leggere Napoli

Marek Hamsik da capitano del Napoli a cittadino onorario

di / 0 Commenti / 81 Visite / 1 dicembre, 2014

10811382_10205311917066636_1634008441_nÈ ufficiale: il prossimo 12 Dicembre, Marek Hamsik, riceverà la cittadinanza onoraria dal sindaco di Castel Volturno, Dimitri Russo.

Il conferimento, avverrà presso la Sala Scarlatti del Conservatorio di San Pietro a Majella nella giornata delle premiazioni organizzate dal Coni provinciale di Napoli.

Marek è slovacco di nascita, ma napoletano dentro dal 2007.

Per la squadra partenopea è il quinto calciatore con più presenze in tutte le competizioni nella storia del club, il primatista di presenze nelle competizioni europee ed il settimo marcatore di sempre in tutte le competizioni. L’attaccamento alla maglia ed il suo impegno civile, ne fanno una bandiera per la città e per la squadra.

Il sindaco ricorda ancora l’arrivo del fuoriclasse che “si presentò con timidezza e serietà”.

Sia Hamsik che Gargano, hanno scelto di vivere a Castel Volturno per essere più vicini alla sede degli allenamenti. Questo non può che fargli onore dato che, sappiamo quanto sia difficile vivere in questo territorio. Nonostante ciò, i due calciatori, si sono integrati perfettamente nel contesto, tanto da partecipare agli eventi organizzati sul territorio stesso.

Il sindaco racconta che Marek ha addirittura adottato due cani randagi, affinché le strade possano essere migliori.

Dunque, il capitano del Napoli, è un vero e proprio cittadino di Castel Volturno. La sua semplicità, viene apprezzata sia dentro che fuori dal campo. Per questo, già a partire dalla passata stagione, i tifosi ultras della curva A, esposero uno striscione in cui si richiedeva la cittadinanza onoraria per Hamsik. A questo messaggio, il calciatore rispose con un tatuaggio sul braccio sinistro, con la scritta “Napoli” in azzurro. “Resterò a Napoli anche quando smetterò”, dice Marek che, con più di 300 presenze in squadra, non si arrende e continua a proclamare il suo amore per la città e per la squadra.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)