Il nuovo modo di leggere Napoli

Traffico di cuccioli dalla Slovacchia a Frattaminore

di / 0 Commenti / 169 Visite / 21 dicembre, 2014

caniPer fortuna, è stato sventato oggi l’ennesimo traffico di cuccioli, questa volta provenienti dalla Slovacchia e diretti vicino Napoli.

La Polizia Stradale di Bologna ha sequestrato 50 cani ed un gatto “Certosino”, tutti piccolissimi, di età compresa tra i due e i tre mesi e per questo non idonei al trasporto. 

Il furgone che, trasportava gli animali, è un Fiat Ducato ed è stato fermato lungo la A1 all’altezza di Pian del Voglio.

Quello che ha colpito la Polstrada, è che il mezzo, con targa slovacca, aveva delle insolite aperture laterali.

Automaticamente è scattato il controllo.

Il trasporto è partito da Komarno, in Slovacchia, ed era diretto a Frattaminore, per rifornire i negozi di animali nel periodo natalizio e magari far felice qualche famiglia che, sarebbe rimasta all’oscuro della tortura subita dai cuccioli. 

Alla guida vi erano due cittadini slovacchi (di 38 e 41 anni). Il furgone è stato posto sotto fermo amministrativo, il conducente e il passeggero sono stati denunciati a piede libero per maltrattamento di animali, uso di documenti falsi e traffico illecito internazionale di animali da compagnia. Ai due sono state contestate violazioni per un ammontare di 13.000 euro. 

Il personale veterinario dell’Asl di Porretta Terme, ha iniziato immediatamente il controllo sulla salute dei cuccioli che, sono stati costretti a stare in spazi angusti. Per questo alcuni di loro presentavano difficoltà respiratorie. È emerso che, gli animali venivano trasportati in gabbie non idonee, prive di dispositivi di abbeveraggio e accompagnati da documentazione falsa. 

La Procura della Repubblica di Bologna ha disposto il sequestro degli animali, dandoli in affidamento al canile di Calderara di Reno.

Si spera che, qualche anima buona, dia una casa ed una cura a questi cuccioli.

Ricordiamo che, è sempre “cosa buona e giusta”, prelevare gli animali dai canili ( sempre più affollati ) piuttosto che, dai costosissimi negozi di animali che, oltretutto, non danno alcuna assicurazione sulla salute e sulla provenienza del nostro amico a quattro zampe.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)