Il nuovo modo di leggere Napoli

Coldiretti: aumenta il numero degli italiani in partenza a Capodanno

di / 0 Commenti / 43 Visite / 30 dicembre, 2014

1414737367_10626536_831065630257809_4846090589668474822_nStravolgendo il famoso proverbio, si potrebbe asserire: “Natale con i tuoi, Capodanno con chi vuoi”. Sì, perché i dati parlano chiaro: se la stragrande maggioranza degli italiani trascorrerà il Capodanno a mangiare lenticchie e cotechino i restanti 4,2 milioni abbracceranno un destino diverso.

È la Coldiretti a fornire questo dato: quest’anno, rispetto al 2013, il 5% in più degli italiani trascorrerà capodanno lontano dalle mura domestiche. Nonostante la timidezza dell’incremento, risultano numeri molto rassicuranti, indicatori di una crisi non genera più così tanta paura tra gli abitanti dello stivale.

C’è da dire che di questi 4,2 milioni, circa il 54% alloggerà in case di proprietà, di amici o di parenti e oltre la metà spenderà meno di 500 euro a persona; solo meno del 23% riuscirà a sborsare tra i 500 e i 750 euro a persona.

Inoltre, emerge che un terzo dei vacanzieri opterà per una pausa breve –meno di tre giorni-, mentre il 46% sceglierà un soggiorno dai tre ai sette giorni.

Una netta minoranza riuscirà addirittura a prolungare le proprie ferie per un periodo compreso tra una settimana e quindici giorni.

Ma quali sono le mete più gettonate di quest’anno?

Sul podio, al primo posto, con il 48% delle scelte troviamo le città d’arte, mentre la medaglia d’argento va alla montagna, sebbene in forte calo a causa della mancanza di neve. Al terzo posto troviamo, infine, il mare, con il 15% delle preferenze, ma è da notare che la campagna, e in particolar modo gli agriturismi, sono in gran crescita. La forza di questi ultimi sta nell’ottima capacità di conciliare il tempo disponibile e le possibilità economiche. Sempre secondo la Coldiretti, infatti, sono 650mila gli italiani ad aver scelto questo tipo di soggiorno, soprattutto prenotando all’ultimo minuto.

Le statistiche, infine, rivelano che il 21% degli italiani ha scelto una meta vicino casa, il 49% di uguale distanza e soltanto il 23% ha optato per una vacanza in luoghi lontani, a causa del prezzo del carburante, sebbene ultimamente sia in lieve diminuzione.

Il motivo per il quale una parte così esigua degli italiani ha scelto di non allontanarsi troppo è da ricondurre essenzialmente ai prezzi dei biglietti aerei.

Martina Benadusi

 

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)