Il nuovo modo di leggere Napoli

Botero, in esposizione a Palermo la sua “Via Crucis”

di / 0 Commenti / 114 Visite / 22 gennaio, 2015

Botero a PalermoBotero fa tappa a Palermo. Dopo le esposizioni di New York, Medellin, Lisbona e Panama, ora la mostra “Via Crucis” arriva in Italia. “La Pasión de Cristo” di Fernando Botero sarà esposta nelle Sale di Duca di Montalto, al Palazzo Reale di Palermo, dal 21 marzo al 21 giugno.

Potremo ammirare in Italia, la caratteristica pittura dalle figure dilatate, con forme strabordanti, quasi irreali. Il colore vivido dei dipinti boteriani è l’anima delle opere di questo celebre artista, in mostra a Palermo. A queste regole pittoriche, non si sottrae neppure la rappresentazione della sacra figura di Cristo, la cui passione viene raccontata in un ciclo costituito da 27 dipinti ad olio e 34 disegni.

La singolare “Via Crucis”, espone una riflessione sul dramma della morte di Cristo. Il lavoro pittorico, pur mantenendo i criteri tipici dell’arte di Botero, rappresenta una tappa fondamentale nel mutamento dei motivi ispiratori dell’artista colombiano. “Ho fatto queste opere – spiega Botero- perché è un momento fondamentale della vita di Gesù e perché è un argomento che è andato scomparendo poco a poco nella storia della pittura: non ci sono elementi satirici in questo lavoro che è pervaso di grande rispetto”.

La predilezione per un tema sacro, fa si che lo stesso Botero si autorappresenti all’interno de “Il bacio di Giuda”. Come Masaccio, Pinturicchio e Michelangelo, anche il pittore colombiano  cerca di apparire accanto a Cristo. A riguardo egli commenta: “ho indossato il miglior vestito della festa per apparire accanto a Cristo. Non poteva essere diversamente”. In questi dipinti, la drammaticità del racconto viene assorbita dalle solide forme rassicuranti.

Le opere, presenti originariamente nel Museo di Medellin, rappresentano uno dei temi sacri più ripresi dalla storia dell’arte mondiale. Per l’esposizione, promossa dall’Assemblea regionale siciliana, in collaborazione con la Fondazione Federico II e il Museo colombiano di Antioquia,  quella di Palermo sarà dunque,  l’unica tappa italiana.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)