Il nuovo modo di leggere Napoli

Pino Daniele, l’appello della compagna: “il suo cuore non trova pace”

di / 0 Commenti / 113 Visite / 4 febbraio, 2015

3425641026Ad un mese dalla morte e in concomitanza con l’inizio di nuovi esami autoptici, l’ultima compagna di Pino Daniele, Amanda Bonini, ha scritto all’ANSA per porre l’attenzione sulla questione relativa alle sorti future del cuore dell’artista, espiantato per accertare se il cantautore poteva essere salvato con un intervento più tempestivo.

Una prassi definita dalla donna “devastante” e resa “ancor più dolorosa dal dover intuire quale potrebbe essere il destino di quel cuore una volta terminati gli esami. Se razionalmente, con grande dolore, devo accettare una disposizione come atto dovuto – scrive Amanda – al contempo, trovo moralmente inaccettabile che quel cuore, che idealmente è il luogo dell’anima di Pino, in cui sono le persone che ama, gli amici veri, dove è Napoli, dove c’è un po’ di Maremma, dove sono le sue passioni e le sue ispirazioni, possa essere distrutto e smaltito come un ‘rifiuto organico’ qualsiasi, per dirla con le sue parole….‘come una carta sporca’. Il pensiero di ciò mi addolora quanto la sua morte. Mi auguro che esista la possibilità che i suoi resti possano essere ricongiunti e possano finalmente riposare in pace nel silenzio incantato della campagna toscana”, aggiunge la donna, l’ultima ad avere visto Pino Daniele in vita la sera della folle corsa in auto dalla campagna toscana al Sant’Eugenio di Roma, dove è stato accertato il decesso.

“Confido nel buonsenso e nel rispetto che un paese civile dovrebbe avere nei confronti della dignità umana, a maggior ragione nei confronti di una personalità unica ed irripetibile come quella di Pino, che – conclude la Bonini – proprio con quel cuore ha arricchito il nostro patrimonio culturale e musicale donandoci opere straordinarie che rimarranno per sempre all’umanità”.

Non si è fatta attendere la replica della famiglia di Pino Daniele. Dopo aver letto queste dichiarazioni è Luisa Regimenti, presidente nazionale dei Medici legali italiani e medico legale che assiste la moglie del cantautore, Fabiola Sciabbarrasi, ad intervenire per chiarire che “ora è importante e prioritario capire che cosa è successo” e che “del cuore bisognava avere cura finché batteva”. Sulla questione della fine che farà dopo l’autopsia, Regimenti chiarisce che “il cuore è presso l’Istituto di Medicina legale e rimarrà ancora a disposizione dell’autorità giudiziaria. Al momento opportuno – conclude – su richiesta della famiglia, sicuramente il magistrato lo restituirà”. 

L’autopsia disposta sul corpo di Pino Daniele “non è frutto della volontà dei familiari bensì è la logica conseguenza delle indagini avviate direttamente dalla Procura della Repubblica di Roma per far luce su alcuni aspetti oscuri che hanno preceduto la sua morte, anche in virtù di nuovi elementi emersi”: lo riferisce all’ANSA Marco Mastracci, avvocato della moglie del cantautore Fabiola Sciabbarrasi.

Intanto va avanti l’inchiesta con un procedimento penale pendente contro ignoti.

Intanto, domani, giovedì 5 febbraio, alle 17,30, presso la Basilica di Santa Chiara a Napoli, si terrà la messa di trigesimo in suffragio di Pino Daniele. La famiglia del cantautore napoletano lo ha reso noto attraverso degli annunci affissi sui muri di diverse vie del centro cittadino.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)