Il nuovo modo di leggere Napoli

Ottavio Buonomo racconta a Scampia vizi e virtù dell’Italia moderna

di / 0 Commenti / 130 Visite / 23 febbraio, 2015

10991158_797236803702723_2189279427361343279_nIl giovane e talentuoso Ottavio Buonomo racconta l’Italia nello spettacolo “Storie di una nazione fa”. All’Auditorium di Scampia, l’attore e regista ha portato in scena sabato scorso, vizi e virtù del nostro bel Paese.

Con una vis comica travolgente, Buonomo intrattiene nel suo varietà la platea. Lo spettacolo dinamico e ricco di sfumature, presenta una carrellata sul costume italiano del Novecento, mediante sketch, monologhi e interventi musicali.

L’Italia è terra di singolari manie e folklore. Consapevole di questo, Ottavio Buonomo non parodizza, ma fornisce uno spaccato concreto ed ironico su temi quali tradimento, internet, scuola pubblica, sanità.

Nel raccontare questo particolare viaggio nazionalpopolare, che analizza in modo esilarante, tipico della sdrammatizzazione, lo “stato emotivo e sociale” in cui versa l’Italia moderna, Buonomo è stato affiancato da validi e talentuosi artisti partenopei. Gli attori Angelo Senese, Antonella Grieco, Cristina Di Nardo, Gennaro Ermo, Gaetano D’Errico, Pippo Scarano, Anna Scarano e la cantautrice Maria Aprile, in un territorio particolare come Scampia, hanno portato sorrisi ed ilarità.

Nella carriera già ricca di Ottavio Buonomo, che ha creato con “Il Teatro di Ottavio”, una grande associazione che si occuperà della produzione di spettacoli teatrali, dischi e trasmissioni televisive, questo spettacolo rappresenta una vera “chicca” eruditiva sulle nostre tradizioni.

Dopo aver interpretato numerosi ruoli di successo, affiancando in due tour Enrico Montesano, passando poi per le collaborazioni con Corrado Taranto, Buonomo ha scelto di misurarsi in una produzione teatrale intenta a valorizzare il territorio di Scampia. In collaborazione con l’Associazione “Napoli l’Altra” , che ha promosso l’iniziativa, Buonomo da giovane sensibile, ha diffuso valori socio-culturali sicuramente educativi.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)