Il nuovo modo di leggere Napoli

“Ogni singolo giorno”:la vita nella Terra dei Fuochi

di / 0 Commenti / 56 Visite / 25 febbraio, 2015

 

“Ogni singolo giorno” è un documentario che nasce dal casuale incontro tra Ornella Esposito, napoletana, giornalista, operatrice sociale, che vive nella  Terra dei Fuochi e Thomas Wild Turolo, udinese, regista con all’attivo diversi lavori di grande interesse sociale.

La vita nella  “Terra dei fuochi” continua ogni giorno; più di un  milione di persone vive nelle province tra Napoli e Caserta, zone  conosciute per il problema dello sversamento dei rifiuti tossici. Il medico Antonio Marfella e il parroco di Caivano Maurizio Patriciello,  simboli della lotta contro l’inquinamento illecito del territorio, narrano la loro esperienza di vita in questa terra martoriata; alle loro voci famose si affiancano quelle di altre persone: un’attivista, un fotoreporter, un agricoltore, una madre, un ragazzo con il proprio padre, infine una giovane donna, che hanno visto le loro esistenze intrecciarsi con i problemi conseguenti lo sversamento dei rifiuti tossici.

“Ogni singolo giorno” inverte il punto di vista che fino ad ora i media hanno adottato: il protagonista vero è l’uomo non il rifiuto e il suo carico di morte. Il cittadino campano,  la sua voglia di reazione ai problemi e la necessità di rimpossessarsi di un territorio martoriato, queste sono le linee guida del documentario.”Ogni singolo giorno” vuole raccontare le storie di chi vive e resiste nel vasto perimetro della terra dei veleni. Intende mostrare senza clamore una serie di esistenze le cui azioni della vita quotidiana sono pesantemente segnate dal  “semplice” fatto di vivere in queste zone.
Il lavoro documentaristico ha inoltre lo scopo di mostrare come dalla morte e devastazione di un territorio prenda forma la vita e la speranza; come la Campania possa essere non solo terra dei veleni, ma anche esempio positivo di cittadinanza attiva.

Il documentario prodotto da Rogiosi Editore e musicato dai Foja sarà  proiettato  venerdi 27 febbraio alle 18 al multicinema Modernissimo di Napoli. Seguirà un  dibattito moderato dalla giornalista Amalia De Simone  del Corriere della Sera con Ornella Esposito, Maura Messina, illustratrice e autrice del libro “Diario di una kemionauta” (Homo Scrivens), Ambrogio Vallo, avvocato Coordinamento comitati Fuochi e Tina Zaccaria, presidente dell’associazione “Noi genitori di tutti”.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)