Il nuovo modo di leggere Napoli
video

Munasterio ‘e Santa Chiara – Tributo a Giacomo Rondinella

by / 0 Comments / 244 View / 27 febbraio, 2015

cultura_cq28c.T0Il 5 agosto 1943, alle ore 13,35 una serie di bombe incendiarie lanciate dagli aerei che sorvolano Napoli causarono gravi danni alla Chiesa di santa Chiara.

L’incendio durò circa 18 ore, provocando il crollo delle capriate della copertura, i marmi si trasformarono in calce e le sculture si decomposero. Gravi gli effetti che le fiamme sortirono sugli affreschi di Giotto e il mausoleo di Roberto d’Angiò. Non fu in alcun modo intaccato il chiostro contiguo alla Chiesa.

La Chiesa fu riaperta dopo dieci anni e si presentò al popolo rifatta in stile gotico provenzale.

MUNASTERIO ‘E SANTA CHIARA è la canzone che testimonia i sentimenti del popolo di fronte alla distruzione della Chiesa:

Dimane?…Ma vurría partí stasera!

Luntano, no…nun ce resisto cchiù!

Dice che c’è rimasto sulo ‘o mare,

che è ‘o stesso ‘e primma…chillu mare blu!

 

Munasterio ‘e Santa Chiara…

tengo ‘o core scuro scuro…

Ma pecché, pecché ogne sera,

penzo a Napule comm’era,

penzo a Napule comm’è?!

 

Funtanella ‘e Capemonte,

chistu core mme se schianta,

quanno sento ‘e dí da ‘a gente

ca s’è fatto malamente

stu paese…ma pecché?

No…nun è overo…

no…nun ce créro…

E moro cu ‘sta smania ‘e turná a Napule…

Ma ch’aggi”a fá?…

Mme fa paura ‘e ce turná!

 

Paura?…Sí…Si fosse tutto overo?

Si ‘a gente avesse ditto ‘a veritá?

Tutt”a ricchezza ‘e Napule…era ‘o core!

dice ch’ha perzo pure chillu llá!

 

Munasterio ‘e Santa Chiara…

‘Nchiuse dint’a quatto mura,

quanta femmene sincere,

si perdévano ll’ammore,

se spusavano a Gesù!

 

Funtanella ‘e Capemonte…

mo, si pèrdono n’amante,

giá ne tènono ati ciento…

ca, na femmena ‘nnucente,

dice ‘a gente, nun c’è cchiù!

No…nun è overo…

No…nun ce crero…

E moro pe’ ‘sta smania ‘e turná a Napule!

Ma ch’aggi”a fá…

Mme fa paura ‘e ce turná!

Finale:

Munasterio ‘e Santa Chiara…

Tengo ‘o core scuro scuro…

Ma pecché, pecché ogne sera,

penzo a Napule comm’era

penzo a Napule comm’è?!…

La canzone, scritta da Galdieri e musicata da Barberis, testimonia lo sgomento dei napoletani alla notizia della semidistruzione della Chiesa di Santa Chiara in seguito al bombardamento del 5 agosto 1943; per coloro che abitavano lontano la Chiesa era sempre stata un simbolo della fede apprendere e non solo un monumento che conteneva opere d’arte.

La voce di Giacomo Rondinella, nel 1945, fu la prima ad intonare “Munasterio ‘e Santa Chiara”, durante lo spettacolo cosiddetto “di rivista”.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)