Il nuovo modo di leggere Napoli
gallery
10945626_440925799392273_3377808907045782049_n

La “collezione di buche” esibita da Napoli

by / 0 Comments / 118 View / 7 marzo, 2015

10945626_440925799392273_3377808907045782049_nLe buche, i disagi, le brutture, le voragini, le pozzanghere, i limiti, gli eccessi: il poggio che Napoli possa offrire, in termini di sicurezza, civiltà, vivibilità e decoro, può, ormai, definirsi “il fenomeno virale del momento”.

“Fuossbook Napoli”, “Napoli arancione”, “Buche Partenopee: vedi Napoli e poi… Cadi”, “Database buche Napoli”: sono solo alcuni dei movimenti virtuali sorti “intorno alle buche” per non tapparle con l’indifferenza, ma piuttosto per denunciare, in maniera inconfutabile e plateale, la penosa condizione che si estende a macchia d’olio lungo l’intera città.

Da Ponticelli ad Agnano, passando per il centro storico, senza tralasciare Posillipo e il Vomero, Fuorigrotta, via Don Bosco, Corso Novara, via Marina, via Galileo Ferraris.

Scorrendo le immagini postate dai cittadini sui social, difatti, quello che maggiormente risalta all’occhio è l’estesa ed eterogenea diffusione del problema.

Forse, non esiste una strada di Napoli rimasta incolume.

O, almeno, risulta un’impresa ardua riuscire a stanare quelle fette di città incontaminate da crepe, voragini e mortificazione.

Taluni disagi vivono, convivono e sopravvivono da tempo immemore, fino a diventare parte integrante dell’ordine naturale delle cose che contraddistinguono la vita cittadina. Basta pensare al ponte di via Galileo Ferraris, fin troppo abile a tramutarsi in un’autentica piscina, quando piove; così come innumerevoli buche che giacciono lungo le strade da ormai troppo tempo, da così tanto tempo che abbiamo imparato a metabolizzarle, tant’è vero che il movimento da eseguire per scansarle è diventato autonomo, involontario, spontaneo.

Alle “anziane”, di pioggia in pioggia, si aggiungono le novizie, “le variabili imprevedibili”.

Questa condizione si traduce in pericoli, effettivi ed allarmanti, per centauri e pedoni, oltre che per gli automobilisti.

Un virus che corre lungo l’asfalto, del quale l’amministrazione ancora non è riuscita a rilevare l’antidoto. La cura.

Fin qui, innumerevoli palliativi sono stati proposti, ma il problema esiste, persiste e sussiste.

Un problema che genera altri problemi, svariati e di diversa natura. Ma, soprattutto, concorre ad alzare alle stelle il livello d’invivibilità di una città di per sé già complicata.

E per comprendere quanto tale affermazione trovi effettivo riscontro nella realtà, non resta da fare altro che sfogliare l’album della “collezione di buche” griffata Made in Naples.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)