Il nuovo modo di leggere Napoli

Oggetti, arredi, abiti, libri di cui volete disfarvi? Ritorna a Napoli la fiera del baratto e dell’usato

di / 0 Commenti / 82 Visite / 1 aprile, 2015

baratto.

Alla Mostra d’Oltremare sta per approdare la 38° edizione della Fiera del baratto e dell’usato, organizzata dall’associazione Bidonville, che si terrà sabato 18 e domenica 19 Aprile 2015, in Viale Kennedy, a Napoli.

Scopo dell’evento è quello di dare la possibilità a tutti i cittadini di scambiare, barattare o vendere oggetti in disuso che sono ancora in buone condizioni: “Noi di Bidonville non amiamo mobili, cose, vestiti, idee, fatti per durare una stagione; pensati per essere sostituiti presto e senza rammarico. Crediamo invece, a quelli disegnati per essere senza tempo; per poter essere aggiustati se si rompono, ammodernati se si riconsumano; per essere in grado di invecchiare dignitosamente e addirittura continuare a diventare con il tempo più nobili e belli”.

Presso la Mostra d’Oltremare di Napoli, a disposizione dei partecipanti, saranno allestiti ben 700 stand per un totale di ben 2000 espositori che verranno raggruppati per praticità in quattro categorie: artigianato, modernariato, collezionismo e antiquariato; 4 aree allestite appositamente per accogliere visitatori, partecipanti e curiosi.

Qui, sarà possibile trovare oggetti utili, complementi d’arredo, mobili, vestiti, accessori, dove il fine è appunto quello di dare la possibilità a chiunque di barattare o vendere oggetti in disuso, ancora in buone condizioni e che non aspettano altro che avere una seconda vita.

Insomma, il motto della fiera sembrerebbe essere: niente sprechi nè di risorse nè di denaro! La mostra-mercato è aperta a chi ha semplicemente voglia o bisogno di svuotare la propria cantina, collezionisti ed artigiani.

Quel che è certo, è che in casa tutti abbiamo del superfluo: giacche lasciate ad ammuffire nell’ armadio, attrezzature sportive che non usiamo più, per non parlare dei regali doppi o non graditi che ci arrivano a ogni Natale e compleanno, dunque perché non riciclare e scambiare?

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)