Il nuovo modo di leggere Napoli

“Rivive la Napoli dei sedili” in una mostra fotografica al centro storico

di / 0 Commenti / 155 Visite / 11 maggio, 2015

mostra Rivive la Napoli dei Sedili - IPIA MarconiFino a venerdì 15 maggio sarà possibile visitare presso il Caffè dell’Epoca in via Costantinopoli n. 81 dalle 10.00 alle 20.00 (domenica dalle 10.00 alle 13.00) la mostra fotografica, inserita nel calendario del Maggio dei Monumenti 2015, “RIVIVE LA NAPOLI DEI SEDILI” organizzata dall’Associazione Culturale “Napoli è” in collaborazione con l’IPIA “Guglielmo Marconi” di Giugliano in Campania che ha partecipato all’iniziativa “Scriviamo insieme la storia dei Sedili”.

“Lungo le vie degli antichi Sedili” è il tema scelto- evidenzia la giornalista Bianca Desideri – dagli studenti dell’IPIA Guglielmo Marconi. Grazie alla preziosa sinergia istauratasi con la dirigente scolastica Prof. Giovanna Mugione e i Docenti Michela Aprile, Cristina Morone, Lino Nolo, Carlo Valle, i giovani studentioltre alla mostra hanno anche realizzato un video sugli antichi Sedili napoletani che sarà proiettato nel corso del convegno “La Napoli dei Sedili” che si terrà venerdì 29 maggio alle ore 17.00 a Palazzo Serra di Cassano sede dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici.

La mostra e il convegno, inseriti nel calendario del Maggio dei Monumenti 2015, si collocano nell’ambito delle iniziative previste nel corso dell’annolegate alla manifestazione “Rivive la Napoli dei Sedili. Il Palio dei Sedili” nata nel 1997 e frutto di un percorso di studio e ricostruzione storica a cura di esperti e giornalisti sull’evoluzione dei Sedili (Porto, Portanova, Capuana, Nilo o Nido, Montagna, Popolo) dalla loro costituzione alla loro soppressione (dal 1200 al 1800).

La manifestazione  che si concluderà a fine 2015 con  il PALIO DEI SEDILI, sfida tra i Sedili napoletani, intende tenere alta l’attenzione di cittadinanza e turisti sulla storia di Napoli e dei Sedili prime forme di organizzazioni che possono essere avvicinate alle circoscrizioni diventate poi municipalità.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)