Il nuovo modo di leggere Napoli

La Pankina Krew festeggia un anno di “One Love”

di / 0 Commenti / 166 Visite / 20 maggio, 2015

11207375_509119892570181_6240099164983176937_n“One Love- One year”.

Quattro parole capaci di racchiudere un’infinità di molteplici e svariate emozioni: un anno d’amore, un anno di musica.

Oggi, 20 maggio, si celebra il primo anno di “One Love”: un disco procreato ai piedi del Vesuvio, nella periferia Est di Napoli, frutto della fusione artistica del trio musicale composto da Ivanò, Master Prod e Donix, i tre “top player” della scena rap napoletana, uniti nel nome di “La Pankina Krew”. Un album che ha sancito la consacrazione e la concreta affermazione della krew e che fin da subito ha consegnato gratificazioni e successi.

Dal sold out alla presentazione del disco, al Freqency di Pomigliano d’Arco, alle live performance al fianco di artisti come: Salmo, gli Almamegretta, La Famiglia, Sangue Mostro; dalle esibizioni alla “Festa dell’unità” a Pomigliano d’Arco, alla “Riscossa popolare” al Parco dei Camaldoli, con Jovine al teatro Bolivar e l’esperienza oltreconfine a Zurigo, con una live performance alle Industrie 45”.

Non sono di certo mancate le “collaborazioni di lusso”: “A musica do sud” brano realizzato dalla rap band partenopea in featuring con Jovine e contenuto nel suo album “Parla più forte”, Master Prod, inoltre, produce due beat presenti all’interno del medesimo disco; Ivanò e Master Prod vengono reclutati da Clementino per realizzare il brano “Messaggeri del Vesuvio 2” e pertanto l’icona del rap napoletano per eccellenza, li annovera tra le voci emergenti più apprezzabili e talentuose della scena napoletana contemporanea.

Il video di “Chiamami domani” viene lanciato in esclusiva su Fanpage ed impazza su Hip Hop tv, canale Sky molto seguito dai cultori del genere. Analoga sorte si disegna nel destino di Viaggiare, singolo realizzato in featuring con Jovine, divulgato in anteprima esclusiva su “Il Corriere del Mezzogiorno” e “viaggia” in alta rotazione su tutte le frequenze delle più autorevoli radio campane, tra cui: Radio Crc e Radio Marte.

Per Radio Marte, inoltre, la Krew realizza anche la sigla del programma “Arrivano i mostri”, sulla base di O’ Luwong, Ammontone production.

A conferma dell’irrefrenabile ed insaziabile desiderio di esprimersi attraverso la musica, Master Prod vince il contest di strofe “Giovani Suoni Volume 8 – 2014”, mentre Ivanò conquista la finale di “Tecniche perfette campane 2015.”

Nel 2015, grazie alla loro musica, collezionano un’esperienza sociale assai significativa, partecipando ad un progetto realizzato con e per i ragazzi del Penitenziario minorile di Airola, in collaborazione con Centro Storico Krew e la Dott.ssa Rosa Vieni, il cui intento è insegnare ai giovani detenuti ad incamerare la rabbia nel rap. Ragion per cui, strofe, testi e rime, diventano un’autentica terapia volta al recupero dei cosiddetti “ragazzi a rischio”.

Oggi, per festeggiare “un anno, il primo anno di One Love” insieme a fan, estimatori ed amanti della buona musica, La Pankina Krew regala in FREE DOWNLOAD 3 INEDITI + BONUS TRACK. A disposizione degli aspiranti BeatMaker, inoltre, una bonus track a cappella per fornire l’opportunità di familiarizzare con una “traccia autentica” e non solo. La bonus Track, difatti, consegna la concreta possibilità di partecipare al “CONTEST RMX”: il vincitore sarà inserito nel prossimo disco GoldenBeat e riceverà un t-shirt One Love in regalo.

“Chi semina bene può solo raccogliere buoni frutti. Prima e dopo “One Love” ci siamo sempre fatti rispettare ed apprezzare, per la nostra musica e per quello che siamo sotto il profilo umano. Fino ad un anno fa eravamo solo una rap band, oggi siamo un gruppo più affiatato ed affermato, abbiamo raggiunto un livello di maturità maggiore. La gente ci vede, ci sente e ci riconosce come “parte di loro”. Chi ascolta la nostra musica ha imparato a conoscerci attraverso i brani che interpretiamo. La nostra musica ci rispecchia ed è per questo che la gente, a sua volta, ci si rispecchia.” Ivanò.

“Durante questo primo anno di “One Love”, sia gli artisti che la gente comune, hanno percepito che non siamo un gruppo improvvisato, ma che facciamo sul serio, giocando le nostre carte in maniera professionale, sfruttando al meglio le nostre doti, quindi la nostra passione trapela in tutta la sua autenticità. “One Love” ci ha consegnato soddisfazioni enormi ed è sempre bello ricordare che questo disco dirama messaggi profondi, uno su tutti è quello che indirettamente emerge grazie al fatto che i nostri pezzi fungono da ispirazione per altri artisti, com’è giusto che sia, perché la musica nasce dalla musica, ma, soprattutto, la musica è di tutti: la musica è “One Love”.” Master Prod.

“Dopo aver lavorato a questo disco ho capito che la musica poteva essere la strada, la mia strada, quella che poteva condurmi verso la concretizzazione del sogno nel cassetto. Dopo “One Love” è sempre più viva e forte la voglia di continuare a cantare per sperimentare nuovi suoni e non fermarmi a questo primo, nuovo inizio. Rispetto ai ragazzi ho meno esperienza di palco ed anche sotto quest’aspetto “One Love” è stato il mio trampolino di lancio, spalancandomi le porte su un mondo in cui ho l’opportunità di esprimere la mia musica e cantare i miei pensieri raccolti nei testi scritti di mio pugno. È stato un anno denso di esperienze ed emozioni inedite che mi consegnano la voglia di continuare a percorrere questa strada”. Donix.

“One Love” è un “quadro canoro” che dipinge, con i colori delle melodie e delle rime, piccole e grandi scene di sincera, nuda e fervida quotidianità che ritraggono quelle emozioni che costellano la vita di tutti noi.

 

 

 

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)