Il nuovo modo di leggere Napoli

Voleva un selfie con suor Cristina. Arrestato per stalking un 42enne belga

di / 0 Commenti / 100 Visite / 14 giugno, 2015

suor

Voleva un selfie con suor Cristina, la nota vincitrice del talent show italiano ‘The Voice’ nel 2014, ma è stato arrestato per stalking ed espulso.

Questa è la vicenda che vede coinvolto S.C., 42enne di nazionalità belga, si trova adesso nel Cie di Bari e sarà rimpatriato nelle prossime ore, dopo la convalida del decreto di allontanamento emesso nei suoi confronti.

In realtà l’uomo non è ‘colpevole’ solo di aver chiesto una foto insieme alla celebre suora ‘pop’, bensì, lui stesso ha raccontato di essersi proprio innamorato della religiosa. Per mesi l’ha contattata su facebook – le scriveva frasi come “Suor Cristina, voglio conoscerti“, “Sei il mio idolo“, “Spogliati di tutto e scappa con me” – Messaggi che sarebbero diventati sempre più spinti e insistenti, tanto da costringere suor Cristina a denunciare l’uomo per stalking alla polizia postale. Fin quando arrivò la decisione da parte dell’insistente fan, di venire in Italia per conoscerla di persona e fare una fotografia con lei.

Tutto ha avuto inizio circa un anno fa: il 42enne, si è invaghito di suor Cristina vedendo le sue performance in tv. Ha seguito il programma televisivo italiano dal Belgio, dove ha sempre vissuto. Si è innamorato di lei al punto da farla diventare una vera e propria ossessione.

A causa degli insistenti messaggi sui social, il suo profilo è stato bloccato, quello di lei chiuso per un periodo. A dicembre scorso il 42enne ha deciso allora di venire in Italia per conoscere la sua beniamina, ma è riuscito solo a farle una foto da lontano. Ci ha riprovato l’8 giugno. Lui era in canottiera, dopo essersi tolto il maglione che indossava. Poi si sarebbe avvicinato alla suora per fare un selfie con lei, ma le sorelle che le erano accanto lo hanno riconosciuto e hanno chiamato le forze dell’ordine. È scattato così l’arresto in flagranza, convalidato dal gip di Milano, ed è stato successivamente emesso il decreto di allontanamento dallo Stato, poi convalidato nel Centro di Identificazione ed Espulsione di Bari.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)