Il nuovo modo di leggere Napoli

Luna caprese: l’incanto di uno sguardo nel cielo

di / 0 Commenti / 2984 Visite / 4 luglio, 2015

capriLa melodia napoletana è sempre poesia, anche quando non ha le parole. Figuriamoci quando le viene accostato un testo a cosa può dare origine… Alla musica in sottofondo si aggiunge la musicalità della lingua della città del sole, unica nel suo genere, con gli argomenti e le parole giuste proprie soltanto dei Napoletani.

La luna cantata da Peppino di Capri ad ogni suo concerto è quella che strega gli innamorati, li accompagna nelle notti senza amore, ricche di sofferenza e solitudine. Il tramonto lascia il cielo alle stelle, che insieme alla luna trovano specchio nel mare. La luna è l’unica a poter fare da intermediario con l’amata, e proprio a lei l’interlocutore chiede di trovare un qualcosa da suggerirle per far sì che la ragazza si accorga di lui. Nonostante le continue e disilluse preghiere, un rifiuto attende l’innamorato, che si crogiola nella consapevolezza dell’amaro destino.

“Luna caprese” è stata scritta da Augusto Cesareo nel 1953 e musicata da Luigi Ricciardi, e da allora risuona nella testa e nelle corde vocali di tutto il mondo.

Di seguito il testo della canzone, con la rispettiva traduzione (www.napoligrafia.it):

Ohéee.
Cu me cantate ‘sta canzone.
Vuje ca suffrite ‘e ppene de ll’ammore,
Capre, ve pò ‘ncantá cu na parola.
Ohéee.
Con me cantate questa canzone.
Voi che soffrite le pene dell’amore,
Capri, vi può incantare con una parola.
Só’ accumparute ‘e stelle a primma sera,
tutta Tragára1 luce ‘mmiez’ô mare.
Na fascia ‘argiento sott’ ‘e Faragliune
e nu mistero ‘int’a ‘sta notte chiara.
Notte ‘e silenzio e i’, mo, chesta canzone,
cantá vulesse a chi mm’ha affatturato.
Sono comparse le stelle dopo il tramonto,
Tutta Tragara1 splende in mezzo al mare.
Una fascia d’argento sotto ai Faraglioni
e un mistero in questa notte chiara.
Notte di silenzio e io, questa canzone,
vorrei cantare a chi mi ha stregato.
Tu, Luna, Luna tu, Luna caprese,
ca faje sunná ll’ammore a ‘e ‘nnammurate,
adduorme a nénna mia ca sta scetata
e falla ‘nnammurá cu na buscía.
Tu, Luna, Luna tu, Luna busciarda,
famme passá sti ppene ‘e gelusia
e fa’ ca nénna fosse tutt’ ‘a mia.
Tu, Luna, Luna tu, Luna caprese.
Tu, Luna, Luna tu, Luna caprese,
che fai sognare l’amore agli innamorati,
addormenta la mia bimba che è sveglia
e falla innamorare con una bugia.
Tu, Luna, Luna tu, Luna bugiarda,
fammi passare queste pene di gelosia
e fa che la bimba sia tutta mia.
Tu, Luna, Luna tu, Luna caprese.
E mo ca pure ‘o mare s’è addurmuto
e ‘e nnuvole li stelle hanno stutato,
dint’a sti bbracce meje, passione amara,
io te vurría tené cu nu respiro.
Ma è inutile, è destino, ca stu core,
canta surtanto pe’ chi dice no.
E ora che anche il mare si è addormentato
e le nuvole hanno spento le stelle,
tra queste mie braccia, passione amara,
io ti vorrei tenere con un respiro.
Ma è inutile, è destino, che questo cuore,
canta soltanto per chi dice di no.

 

Maksim Gor’kij disse: “Capri è un bocconcino minuscolo, ma squisito. Il fatto è che qui vedi subito, in un sol giorno, tanta di quella bellezza che ne rimani come ubriaco, inebetito, e non riesci a fare più nulla. Continui a guardarti intorno e a sorridere…Il Golfo di Napoli – e soprattutto Capri – è già bello e più profondo dell’amore e delle donne. In amore scopri subito tutto – qui non sai neppure se sia possibile scoprire tutto…Ho in testa un diavoletto allegro che balla la tarantella, e sono ubriaco anche senza vino”.

Questa è Capri.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)