Il nuovo modo di leggere Napoli

Pizza Gusto Sannio: le eccellenze campane valorizzate dal talento di Errico Porzio

di / 0 Commenti / 213 Visite / 21 luglio, 2015

11749506_10204678877476443_721156858_nSulla carta già si presentava come un weekend da ricordare, in quanto suggellato da un “evento di cartello” e anche nella pratica il Pizza Gusto Sannio non ha deluso le aspettative.

Tre giorni all’insegna del gusto, quello peculiare e genuino che riecheggia puntualmente allorquando vengono schierate in prima linea le eccellenze campane, laboratori di slow food e tante, ma tante pizze gourmet i cui ingredienti, studiati accuratamente dallo chef Dino Masella, sono stati sapientemente miscelati ed adagiati su un impasto principalmente composto da farina al farro dell’azienda agricola Mirra, originaria del beneventano.

11758962_10204678838915479_2021667686_n

Gli ingredienti utilizzati erano tutti e rigorosamente a centimetri zero, ovvero ortaggi e verdure raccolti direttamente dai campi della Masseria Masella di Cerreto Sannita, esattamente come l’olio, di qualità eccelsa, anch’esso prodotto dalla famiglia Masella, ai quali si addiziona il cospicuo valore aggiunto personificato dal talento e dall’esperienza del maestro pizzaiolo Errico Porzio.

11756609_10204678840155510_1575773574_n

11756462_10204678839195486_1428771771_nTre giorni intensi che hanno riscosso un grande successo, così come suggellato dalla massiccia affluenza di pubblico che ha apprezzato le novità proposte nell’ambito del Pizza Gusto Sannio, tra le quali: “Sottobosco”, pizza farcita con zuppa di funghi misti, provola affumicata, fior su latte e porcini; la rivisitazione della “classica” Margherita che per l’occasione si adorna del fregio di “Regina Margherita” per accogliere pomodori pelati, fior di latte, pecorino fresco grattugiato, basilico, olio extravergine d’oliva; “Zuppa d’ cucuzz’”, ovvero, vellutata di zuppa d’ cucuzz’, sbriciolata di salsiccia d’ poc’, pecorino dolce a scaglie e sedano; “Ciambotta”, pizza con Crema di ciambotta con ortaggi, patate fritte, pancetta, caciocavallo; “Parmigiana”, dicitura che, di per sé, funge da forte richiamo alla tradizione culinaria di casa nostra e si completa con melanzane dorate, salsa di pomodori freschi, fior di latte, parmigiano, basilico; “Pizza alla bocca del forno”, a base di pomodori , pecorino dolce, origano, aglio, fior di latte, olio; “Sciurigl’ d’ cucuzz’”, ovvero, pesto di ricotta e noci, fior di latte, capovolto, fiori di zucca.

11754649_10204678839315489_1620084955_o

Per quanto concerne l’impasto, invece, lo stesso maestro Porzio, con orgoglio e puntualità, ci tiene a precisare che è stato eccellentemente realizzato utilizzando l’acqua della sorgente Trescetara.

11760447_10204678839475493_1746424804_o

Un evento più che ben riuscito e che ha consegnato al maestro Porzio l’ennesima esperienza edificante da relegare nel suo già più che ben assortito album dei ricordi e che senz’altro la famiglia Masella riproporrà l’anno prossimo, introducendo tante ed ulteriori novità.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)