Il nuovo modo di leggere Napoli

“La cena di Babette” servita da venti ragazzi disabili di Quarto

di / 0 Commenti / 70 Visite / 11 settembre, 2015

bbbb

Ore e ore passate dietro ai fornelli per imparare l’arte culinaria,o in sala per apprendere tutte le nozioni per un’accoglienza a regola d’arte.Fatica,impegno,volontà e caparbietà profuse con sacrificio,ma anche con gioia per raggiungere il traguardo tanto sognato, quello del loro debutto al servizio in un vero ristorante,quello delle Cantine Astroni di Quarto.

È così che venti ragazzi down con deficit mentale tra i 18 e i trent’anni di Quarto hanno potuto dare prova dei risultati raggiunti durante il loro percorso formativo, denominato “Modi gentili e semplici sapori”, durato sei mesi con grande soddisfazione sia degli insegnanti sia degli avventori del ristorante.

In un clima di commozione e di soddisfazione gli allievi del corso hanno portato a termine brillantemente la loro “prima cena” servendo piatti squisiti e ottimi vini, lavorando con precisione e professionalità.Daniela, Maria, Mariarosaria, in cucina, hanno preparato freselle di baccalà e polpettine di calamari, calamarata e cous cous di mare.Luisa, Roberto e Ivan hanno portato i piatti in sala e Marco, Martina e Mario hanno servito i vini.

I ragazzi con l’aiuto dello chef Michele Grande e il direttore di sala Stefano Piccirillo hanno conseguito uno straordinario risultato che rappresenta un punto di partenza di una nuova avventura.A partire dalla prossima settimana infatti cominceranno a lavorare sul serio.

A loro sarà affidata la gestione dell’angolo bar dell’Istituto Professionale “Multicenter School” di Pozzuoli dove potranno confrontarsi con un vero e proprio ambiente di lavoro e con tanti altri ragazzi che frequentano l’istituto.

 

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)