Il nuovo modo di leggere Napoli

41enne in ospedale per emorragia muore per una tac fuori uso

di / 0 Commenti / 123 Visite / 5 gennaio, 2016

gianluca-forestiereIl 2016 si apre con un nuovo potenziale caso di malasanità nel napoletano. A farne le spese è Gianluca Forestiere, un uomo di 41anni giunto di corsa al pronto soccorso in preda a una emorragia, l’unica tac in dotazione era rotta da giorni per un pezzo di ricambio da sostituire. Ha inizio così un’odissea tra gli ospedali dell’Asl Napoli 2 Nord, terza più grande d’Italia, terminata con il decesso del 41enne la sera del 2 gennaio.

Un calvario che ha avuto inizio nella serata di San Silvestro e ora al centro di una delicata indagine coordinata dal pm Manuela Persico. La procura ha disposto il sequestro della salma di Forestiere e della cartella clinica, dopo la denuncia sporta alla polizia dalla moglie 36enne Emanuela Falco: tra oggi e giovedì mattina si procederà all’autopsia e, contemporaneamente, partiranno gli avvisi di garanzia all’indirizzo dei medici in servizio negli ospedali di Pozzuoli e Giugliano che hanno avuto in cura Forestiere in quelle concitate ore del secondo giorno dell’anno.

Per ora si procede contro «soggetti da identificare», ma gli accertamenti degli inquirenti sono già iniziati per individuare chi abbia accolto in ospedale il 41enne, chi abbia disposto il suo trasferimento e chi, infine, abbia deciso per il rientro a Pozzuoli dopo averlo sottoposto a una tac allo stomaco.

Dall’esame autoptico si potrà iniziare a dipanare un caso di presunta malasanità, come accusano i familiari rappresentati dall’avvocato Amerigo Russo e chiarire quanto avvenuto nelle ultime 36 ore di vita del 41enne, padre di due bimbe, manager nella concessionaria Bmw M.Car di Teverola e che da poco si era trasferito in un appartamento di Arco Felice.  Finito 2 volte in ospedale in 3 giorni. I poliziotti del vicequestore Pasquale Toscano hanno ascoltato i parenti, a cominciare dalla moglie e hanno annotato orari e percorsi fatti il 31 dicembre e il pomeriggio del 2 gennaio nella spola tra i due ospedali della Na2 Nord. Secondo quanto riferito dai familiari, il 31 dicembre scorso il 41enne lamentava febbre, con scariche violente di diarrea e vomito verdastro. La moglie gli consiglia di andare nel vicino ospedale di Pozzuoli, dove viene visitato e sottoposto alla somministrazione di una flebo con antipiretico che gli fa abbassare la temperatura corporea e soprattutto lo reidrata. Sembrano i sintomi di una banale influenza. Gianluca resta in osservazione poco più di un’ora e poi firma le dimissioni volontarie. Si sente meglio. Esce dall’ospedale con le proprie gambe. Ma, una volta a casa, il giovane e brillante manager della Bmw avverte di nuovo quei fastidi allo stomaco e, soprattutto, una forte emicrania.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)