Il nuovo modo di leggere Napoli

41enne morto in ospedale: era in preda a gravi emorragie

di / 0 Commenti / 345 Visite / 6 gennaio, 2016

gianluca-forestiereIl caso di Gianluca Forestiere, il 41enne morto il 2 gennaio dopo il trasferimento in due ospedali dell’Asl Napoli 2 Nord per una Tac rotta, è finito anche sul tavolo del ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

Nelle prossime ore i carabinieri del Nas faranno una ispezione nell’ospedale di Pozzuoli, mentre la procura di Napoli darà incarico ad alcuni periti di accertare il rispetto dei protocolli clinici e soprattutto la «catena dell’emergenza» tra guardia medica, servizio 118 e rete delle emergenze intraziendali tra gli ospedali della Na2 Nord. Intanto, per domani alle 13 è previsto l’esame autoptico sulla salma di Gianluca, 41 ani marito e padre di due bambini. Per adesso nessuno risulta – ancora – formalmente iscritto nel registro degli indagati perché solo dopo l’esame del medico legale si potrà lavorare all’ipotesi del presunto caso di malasanità. Come ha confermato l’avvocato Amerigo Russo, legale della vedova Forestiere che la sera stessa del 2 gennaio presentò denuncia alla polizia, «per ora si procede verso soggetti da identificare, ma dopo la perizia sul cadavere di Gianluca scatteranno le informazioni di garanzia».

Sequestrata anche la cartella clinica che sintetizza il dramma del 40enne, iniziato quando a San Silvestro Gianluca Forestiere, manager di una concessionaria Bmw di Teverola, accusa un malore: ha febbre alta, diarrea e vomito verdastro.

Si reca al pronto soccorso del Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli ma viene dimesso dopo un’ora. «Sintomi di una influenza, tipica della stagione», gli dicono i medici.

Trenta ore dopo, il 41enne ritorna privo di sensi in quello stesso pronto soccorso con fortissimi dolori alla testa e continuo vomito. I suoi familiari hanno chiamato le guardie mediche territoriali e poi il 118 regionale: la centrale operativa, secondo la descrizione dei sintomi fatta dai familiari, invia un’ambulanza sprovvista di medico a bordo. Forestiere arriva poco dopo le 13.30 a Pozzuoli e resta in osservazione fino alle 17.30. Le sue condizioni cliniche – secondo le accuse dei familiari che ora attendono un riscontro dall’autopsia – sarebbero peggiorate al punto che Gianluca viene intubato. Si decide di sottoporlo ad una Tac, ma l’unica in dotazione alla Radiologia del Santa Maria delle Grazie è guasta. Il paziente, intubato, viene inviato con un’ambulanza che ha a bordo anche un medico rianimatore all’ospedale aziendale più vicino: il San Giuliano di Giugliano, che dista 27 chilometri e non ha un reparto di Neurochirurgia. Dalla Tac sarebbe emerso un caso di Cid, coagulazione intravascolare disseminata: in pratica, l’uomo sarebbe stato in preda ad una gravissima sindrome clinica caratterizzata da numerosi trombi.

Emorragie alla testa, allo stomaco e alla vescica le cui cause sono tutte da accertare. Gli organi interni non avrebbero più risposto alle terapie. A quel punto Forestiere riparte in ambulanza con medico rianimatore per fare ritorno a Pozzuoli dove arriva intorno alle 21.30 in Rianimazione. Sono gli ultimi istanti di vita del 41enne, che muore tra le lacrime e le mille domande della moglie, la 36enne Emanuela Falco.

Domande che, adesso, esigono una risposta, chiara, inconfutabile, attendibile.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)