Il nuovo modo di leggere Napoli

O’ maccarunaro, l’antico venditore ambulante di piatti di pasta

di / 0 Commenti / 510 Visite / 14 gennaio, 2016

Makkaroni-2Se oggi i ristoranti sono pieni ed i buongustai si rifugiano in taverne e locali alla moda per mangiare del buon cibo, nell’antica Napoli esisteva una figura particolare, che preparava piatti tradizionali e li vendeva cotti in strada. Trattasi del maccarunaro, ambulante che collocava il suo banco e i suoi attrezzi da cucina nell’angolo di una piazza o di una strada, vendendo maccheroni cotti, serviti in piatti, da mangiare, con le mani, anzi con il pollice, l’indice e il medio della mano aperti a guisa di forchetta.

Il maccarone, nato nel xv secolo, quando si cominciò a far uso di un attrezzo detto ngegno, nel quale si comprimeva la pasta di farina di grano, ha origine napoletana e per molto tempo fu prodotto solo nella nostra città o in paesi come Gragnano, Sorrento e Amalfi.

Il maccaronaro sistemava sulla strada i fornelli rischiarati da deboli lumi di arenaria e ricoperti da una larga tenda catramata; accanto alla caldaia, da dove tirava fuori i maccheroni ancora bollenti, li  sistemava a piramide e condiva con formaggio, salsa di pomodoro, o strutto, al prezzo di tresoldi. Per chi non navigava nell’oro invece, il maccarunaro applicava uno sconto di due soldi, eliminando però dalla ricetta, lo strutto.

Grazie alla sua figura, o maccarunaro rallegrava gli angoli delle città ed offriva occasioni di gusto ed incontro ai cittadini, ben contenti di consumare l’amato piatto di maccaroni, con le mani.

 

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)