Il nuovo modo di leggere Napoli

Brescia: 15enne si prostituisce per ricaricare il cellulare

di / 0 Commenti / 413 Visite / 29 gennaio, 2016

 RSquilloagazzine violate nell’ingenua femminilità confacente al loro status di 15enni e disposte a tutto per accaparrarsi vestiti nuovi, assicurarsi il biglietto di una discoteca alla moda e ricaricare il cellulare.

Giovanissime che utilizzano il loro corpo come merce di scambio assicurando sesso a pagamento nei parcheggi e nei dintorni dei centri commerciali di Brescia con uomini molto più grandi. Una realtà emersa grazie alla denuncia alla polizia provinciale di Brescia da parte di una donna, attiva nel sociale, cui la mamma dell’adolescente aveva confidato i suoi timori. Troppo strani i suoi comportamenti. L’uscita di casa la mattina come per andare a scuola, i rientri a notte fonda. Trucco e abiti da donna per sembrare più matura. Tanti soldi in tasca. Troppi per una 15enne.

E poi le voci – senza conferme nell’indagine già chiusa dalla procura – che nei bagni di quella scuola professionale del capoluogo succedesse di tutto. La triste realtà è emersa dopo un paio di mesi di indagini da parte degli agenti. Dai 10 ai 50 euro a seconda della prestazione sessuale da fornire a uomini molo più grandi: questo il tariffario.

“Quattro o cinque persone – spiegano gli inquirenti, che negano che la ragazzina fosse costretta a prostituirsi –. Faceva tutto da sola: contattava i clienti tramite Internet o sms col cellulare, oppure li adescava al momento e consumava i rapporti nei parcheggi o nelle vicinanze dei centri commerciali del capoluogo. Il tutto per sentirsi ricca”.

La 15enne, i cui genitori sono separati, ha ammesso gli incontri affermando che quel condotta risulterebbe essere di prassi tra le sue coetanee. Una dichiarazione che ha portato gli investigatori ad allargare il cerchio: così sono state ascoltate altre quattro ragazze, compagne di scuola e amiche della ragazzina, ma queste hanno negato qualsiasi coinvolgimento. Solo uno, fin qui, il cliente indagato, agganciato grazie ai tabulati telefonici: il 40enne denunciato a piede libero alla fine della prossima settimana racconterà la propria versione.

In un primo momento ha deciso di fare scena muta con inquirenti e investigatori: su di lui pesa l’accusa di aver compiuto atti sessuali a pagamento con la minore. Nella casa dell’indagato gli agenti, oltre a parecchio materiale pornografico, hanno trovato centinaia di pastiglie di Viagra e altri stimolanti sessuali.

“Mai visto così tanto materiale – racconta il commissario Fabio Peluso della Provinciale –. La nostra ipotesi è che l’uomo rivendesse tutti questi medicinali in maniera illegale. Chi siano i suoi clienti, però, non lo sappiamo”. Per il quarantenne, alle spalle nessun precedente penale specifico salvo alcune violazioni al Codice della strada, potrebbero quindi esserci ulteriori problemi. Una brutta storia a solo una settimana dalla vicenda che ha portato la polizia locale di Montichiari, Comune della Bassa Bresciana, ad arrestare un 56enne sieropositivo che, pur essendo consapevole di essere infetto, pagava ragazzi per consumare con loro rapporti sessuali non protetti.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)