Il nuovo modo di leggere Napoli

“Open Stage – groove stage”: palco aperto a giovani cantanti e musicisti

di / 0 Commenti / 146 Visite / 30 gennaio, 2016

themicOpen Stage è giunto al quarto appuntamento. Tanta buona musica, ospiti a sorpresa e soprattutto tanto groove. Ciò che colpisce è la giovane età di molti dei musicisti partecipanti che unendo lo studio al talento, riescono ad esprimersi con sicurezza e professionalità, affrontando svariati generi musicali. L’abitudine all’ascolto favorisce l’interplay che genera il sound di qualità che è il filo conduttore delle serate. Open Stage è una buona occasione per i musicisti e per il pubblico in sala di godere di buona musica. Giovedì 4 febbraio sarà lo storico palco del Bourbon Street ad ospitare l’Open Stage della Music Instinct. Start ore 21,30. Via Vincenzo Bellini, 52 – Napoli.
Per i musicisti che vorranno partecipare all’Open Stage c’è la possibilità di prenotarsi attraverso il sito Music Instinct.it  o presso il locale.

“Open Stage” è un esperimento per consentire a nuovi musicisti di potersi confrontare su di un palco, arricchendosi di nuove esperienze. La musica è innanzitutto comunicazione e non deve essere condizionata da nessun pregiudizio stilistico o formale. Tuttavia, non potendo accogliere sul palco tutta la musica attualmente esistente sul mercato, la Music Instinct ha fatto la scelta di concentrarsi sulla musica che ha come suo epicentro il “groove” Quindi, basta recriminare sulle occasioni che non ci sono. Insieme possiamo fare solo belle cose, portate i vostri strumenti e se lo ritenete opportuno, salite sul palco oppure, utilizzate al meglio il vostro Open Stage.

La serata aprirà con qualche brano suonato dai musicisti della band “residente” formata da Corrado Paonessa chitarra e basso, Paolo Sessa pianoforte e keyboard, Dario Guidobaldi batteria acustica. Il trio può accompagnare le nuove generazioni di musicisti impegnati nei loro percorsi di studio più variegati: il jazz, il rock, il blues, il funk, il latin, la dance, il pop, ma l’Open Stage è pensato per ospitare anche musicisti già affermati che vorranno condividere il palco.

Nessun pregiudizio, rispetto dell’esibizione dal vivo, condivisione del palcoscenico. Nessuna gara o competizione tra i musicisti, sempre stupida e malsana ma solo tanta voglia di divertirsi e divertire il pubblico presente.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)