Il nuovo modo di leggere Napoli

6 febbraio, Domus Ars: al via il Napoli Jazz Winter con Ciccio Merolla Quartet Experiment

di / 0 Commenti / 37 Visite / 2 febbraio, 2016

merolla experimentAl via il Napoli Jazz Winter 2016 sabato 6 febbraio alle ore 21.15 presso la Domus Ars in via Santa Chiara 10/c che si apre con  il Merolla Quartet Experiment, un live in cui il virtuosismo di uno dei percussionisti più accreditati del panorama musicale internazionale come Ciccio Merolla incontra l’eleganza delle sonorità jazz della tromba di Gianfranco Campagnoli, il ritmo di Carmine De Rosa raffinato batterista e dub master e il tocco prezioso di Toto Allozzi  alle tastiere,  dando vita ad un concerto dove le atmosfere mediterranee si fondono con il jazz, con incursioni nelle sonorità elettroniche.

meroll2
Un quartetto  in cui i differenti percorsi musicali si fondono pur restando fedeli al proprio stile. Quattro personalità diverse, la forza, la grinta, il talento di ognuno si fonde dando vita ad un live in cui la contaminazione suggerisce atmosfere suggestive ed un repertorio  inedito. Merolla Quartet Experiment è quindi un progetto di Ciccio Merolla nato dalla  collaborazione con eccellenze della musica strumentale come Gianfranco Campagnoli e Carmine De Rosa e Toto Allozzi per la prima volta, si esibiscono insieme in quartetto in un live imperdibile. Dagli inizi della sua carriera il percussionista Ciccio Merolla è orientato verso la ricerca continua di sonorità originali  e, partendo dalle sue radici fortemente mediterranee, riesce attraverso collaborazioni e studi, a guardare oltre, come  un viaggiatore sempre  proteso verso una meta, ma che non dimentica né il suo luogo di origine, ne’ di fare tesoro di tutti gli insegnamenti appresi lungo il percorso. Il filo conduttore di questo viaggio musicale è sicuramente  è Mediterraneo, culla delle civiltà più antiche di cui la stessa Neapolis è figlia. Proprio Napoli diventa il cuore pulsante di tutta la ricerca musicale del percussionista e punto di partenza, trampolino per un linguaggio nuovo, ricco di sperimentazioni che questa volta si tingono di jazz.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)