Il nuovo modo di leggere Napoli

Scomparsa 14enne, è stata ritrovata ieri a casa di un 30enne

di / 0 Commenti / 227 Visite / 19 aprile, 2016

image

Mestre: Elda è una ragazzina di soli 14 anni sparita da casa venerdì scorso.

Sono trascorsi giorni di apprensione, domenica scorsa i suoi amici hanno tappezzato Mestre di volantini al fine di ritrovare la ragazza, e sempre domenica pomeriggio sono tornati anche alla stazione per distribuire l’appello per il ritrovamento ai tassisti e ai viaggiatori. Infatti è proprio alla stazione di Mestre la zona dove era stata avvistata sabato.  Una giovane l’aveva riconosciuta, ma la ragazzina avrebbe risposto in malo modo all’invito della donna a fermarsi.

Solo ieri pomeriggio il felice epilogo: è stata ritrovata e sta bene. L a giovanissima ragazza si trovava in un’abitazione in zona Bissuola, non lontana dalla sua abitazione, ora la polizia sta facendo accertamenti sulla persona, un ragazzo di 30 anni, che l’avrebbe ospitata.

La ragazza è stata sentita dagli agenti del commissariato per capire come ha trascorso i tre giorni di fuga e chi ha incontrato. Lei ha spiegato perché fosse scappata da casa, ovvero per incomprensioni con i genitori, mentre chi l’ha ospitata, essendo maggiorenne, ora rischia la denuncia: doveva sicuramente avvisare i genitori quando lei ha deciso di trascorrere lì la notte.

La ragazza è stata ritrovata soprattutto grazie alla tenacia di un gruppetto di amici che tra domenica e lunedì hanno organizzato una ricerca capillare in luoghi precisi e da amici, che hanno iniziato a tappezzare la città – in particolare la stazione ferroviaria e i luoghi che solitamente Elda frequenta – con un volantino dov’era stata stampata la sua foto e i numeri di telefono degli amici a cui rivolgersi se qualcuno aveva notizie della ragazza.

Subito dopo l’arrivo degli agenti di polizia, nel caseggiato sono arrivati anche i genitori della ragazza ed il fidanzatino che è stato colto da malore e, dopo essere stato soccorso da alcuni residenti, è stato trasportato al pronto soccorso in ambulanza.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)