Il nuovo modo di leggere Napoli

Caserta: prete aggredito. “Pregherò per chi mi ha picchiato”

di / 0 Commenti / 126 Visite / 31 agosto, 2016

parroco-picchiato-in-strada

San Nicola la Strada (Caserta) – Un prete, Don Fulvio De Blasio, ha subìto un aggressione: pugni, schiaffi e ingiurie, in strada. Questo è quanto accaduto al parroco della Chiesa di Sant’Andrea Apostolo a Puccianiello, una piccola frazione di Caserta.

E’ stato lo stesso Don Fulvio ha denunciare l’accaduto sul noto social facebook, raccontando che, mentre camminava in via Cadorna, uno squilibrato l’ha aggredito con pugni e schiaffi costringendolo ad andare in ospedale dove gli è stata diagnosticata una prognosi di 10 giorni. L’aggressione è avvenuta in maniera improvvisa, alle spalle, talmente violenta al punto che si è reso necessario il trasporto presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Civile di Caserta, dove i sanitari del posto gli diagnosticavano diversi ematomi alla testa, alle spalle e varie parti del corpo.

E’ da pochissimi anni che abito in San Nicola la Strada – ha scritto il prelato sul suo diario – ho scelto questa cittadina perché l’ho trovata calda ed accogliente, piena di storia e tradizioni. Mi sono trovato bene fino a questa mattina, non avrei mai immaginato che camminando tranquillamente in via Cadorna all’altezza della statua di S. Pio venissi aggredito da uno squilibrato con pugni e schiaffi. Sono stato fortunato che un giovane non so se di passaggio o se sentiva le mia urla sia intervenuto. Fatto sta che ora mi ritrovo con una prognosi di dieci giorni”.

E ancora prosegue: “Ciò che mi fa più male non sono le botte prese gratuitamente ma, le volgarità uscite da quella bocca malata contro il mio essere sacerdote. Pregherò per lui, che posso fare. San Nicola comunque resa una bellissima cittadina”.

Tanti i messaggi di solidarietà e vicinanza sulla bacheca Facebook del sacerdote, messaggi d’affetto ma anche di condanna verso la violenza. Adesso non resta che sperare che Don Fulvio si rimetta presto e al contempo venga punito l’aggressore.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)