Il nuovo modo di leggere Napoli

Al PAN, dal 26 settembre al 6 ottobre: “Fotografie dell’Africa” mostra di Franco Petti

di / 0 Commenti / 68 Visite / 24 settembre, 2016

untitledDal 26 Settembre 2016 sarà aperta al pubblico la mostra Franco Petti. Fotografie dell’Africa presso la Galleria Pan (Palazzo delle Arti) di Napoli. L’esposizione, promossa e prodotta dal Comune di Napoli, curata dall’Uffcio Stampa Giuseppe De Pietro in collaborazione con l’Archivio De Pietro Press, sarà presentata nell’ambito di Conoscere l’Africa, un progetto della De Pietro Press Communication di Roma. Resterà aperta fino al 6 ottobre.
Un lungo racconto visivo, un insieme di immagini straordinarie stampate in grande formato, un’avventura esistenziale unica: la mostra su Franco Petti, viaggiatore per professione, esploratore ma anche e, in questa sede, soprattutto fotografo, un’occasione per ripercorrere oltre dieci anni di viaggi alla scoperta dei luoghi meno conosciuti e più impervi dell’Africa e raccontando la passione per l’avventura insieme alla straordinaria professionalità di un grande reporter.
Franco Petti imparò a fotografare e a scrivere le proprie avventure con la stessa dedizione con cui imparò i segreti dell’Africa. Il mestiere di fotografo per grandi riviste italiane, soprattutto per Week End e Tutto Turismo, lo porterà a cercare di trasmettere là conoscenza di luoghi estremi del mondo e se spesso solitario ha conquistato l’ammirazione degli uomini e il cuore delle donne, l’essere insieme narratore e protagonista delle proprie avventure lo proietterà anche nell’immaginario dei più giovani.
A ogni viaggio, Petti parte alla ricerca dei suoi ricordi letterari e dei suoi eroi, cercando di riviverne le avventure. Molte tra le sue folgoranti immagini sono grandiosi “immagini ambientati” e i paesaggi in cui si muove sono insieme luoghi di contemplazione di scoperta. Petti si pone dietro l’obiettivo: in un modo del tutto originale è in grado di rappresentare la sua fatica e la gioia per una scoperta, ma al tempo stesso sa cogliere le geometrie e le vastità degli orizzonti che va esplorando.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)