Il nuovo modo di leggere Napoli

Real Madrid-Napoli: azzurri salutati da centinaia di tifosi a Capodichino, la conferenza stampa di Zidane

di / 0 Commenti / 26 Visite / 14 febbraio, 2017

real-madrid-napoli Centinaia di tifosi hanno accolto all’ aeroporto di Capodichino l’autobus del Napoli con la squadra in partenza per Madrid.

Sul lungo viale che porta allo scalo partenopeo, con il traffico ovviamente in tilt, si sono radunati centinaia di tifosi con che sventolavano sciarpe azzurre ed intonavano i cori “devi vincere” e “chi non salta è juventino”.

I tifosi hanno circondato festanti il bus, che avanzava a passo d’uomo tra due ali di folla.

I supporters azzurri hanno anche preparato uno spettacolo di fuochi d’artificio per salutare Hamsik e compagni nel loro viaggio verso l’andata degli ottavi di Champions League al Santiago Bernabeu.

Mentre sembra avere le idee chiare Zinedine Zidane alla vigilia dell’andata degli ottavi di Champions fra Real Madrid e Napoli. “Con tutto il rispetto per Maradona, che ammiravo quando avevo 14 anni e che per me è uno dei migliori – aggiunge il tecnico merengue – del Napoli temo di più quelli che vanno in campo e che giocheranno domani. Sappiamo tutti cosa ha fatto Maradona per il calcio ma per fortuna non giocherà domani. Meglio così. E comunque noi disponiamo delle nostre armi per disputare una buona partita. Solo due gol in Champions per Ronaldo? E’ strano, ma io ne facevo 4-5 in tutta la stagione. Quindi non è un problema, non preoccupatevi”. Zinedine Zidane alla vigilia dell’andata degli ottavi di Champions fra Real Madrid e Napoli.

“Con tutto il rispetto per Maradona, che ammiravo quando avevo 14 anni e che per me è uno dei migliori – aggiunge il tecnico merengue – del Napoli temo di più quelli che vanno in campo e che giocheranno domani. Sappiamo tutti cosa ha fatto Maradona per il calcio ma per fortuna non giocherà domani. Meglio così. E comunque noi disponiamo delle nostre armi per disputare una buona partita. Solo due gol in Champions per Ronaldo? E’ strano, ma io ne facevo 4-5 in tutta la stagione. Quindi non è un problema, non preoccupatevi”.    “Quando sono arrivato in Italia sono maturato come un giocatore. La Juve mi ha insegnato tanto, mi ha insegnato soprattutto a vincere, a dare tutto fino all’ultimo minuto. Adesso sono in uno dei più grandi club, per entrare nella storia. Sto crescendo come una persona e come allenatore”.     Lo ha detto il tecnico del Real Madrid Zinedine Zidane, alla vigilia dell’andata degli ottavi di Champions contro il Napoli.

“Siamo contenti che domani Maradona sia allo stadio. Ma grazie a Dio non gioca”: cosi Luka Modric alla vigilia della partita con il Napoli. “E’ uno dei migliori giocatori della storia del calcio, e una grande persona” ha detto il croato del Real dell’ex Pibe de Oro. Ma, ha insistito, “siamo contenti che non giochi”. Il Napoli per Modric “è una grande squadra, a centrocampo e in attacco. La lotta per il centro sarà difficile. Per noi è importante entrare forte nella partita e giocare bene”. Il Real, ha confermato, vuole il ‘doblete’ Liga-Champions. “Ora pensiamo al Napoli, ma è chiaro che vogliamo andare a Cardiff e conquistare il doblete”.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)