Il nuovo modo di leggere Napoli

Da Nord a Sud due donne vittime dello stesso destino: morte schiacciate dalla loro stessa auto

di / 0 Commenti / 143 Visite / 14 febbraio, 2017

2258644_13769544_10154305685217278_2455682796186979754_n Un San Valentino drammatico per due donne, vittime dello stesso destino.

La prima tragedia si è verificata nel salernitano, a perdere la vita Giovanna Mucciolo, 44 anni, del posto, mamma di quattro figli. La donna era scesa dall’auto per aprire il cancello di casa, ma è stata travolta ed uccisa dalla stessa vettura. É accaduto oggi ad Aquara, in provincia di Salerno.  La donna è stata rinvenuta a terra in fin di vita da suo figlio che ha immediatamente dato l’allarme. La 44enne, però, è morta sull’eliambulanza che la stava trasportando verso l’ospedale di Vallo della Lucania (Salerno). Sulla tragedia indagano i carabinieri di Agropoli per accettarne l’esatta dinamica. Da una prima ricostruzione, sembrerebbe che Giovanna Mucciolo, prima di scendere dall’auto, avesse dimenticato di inserire il freno a mano. La donna era molto conosciuta in zona anche perché gestiva una ferramenta di famiglia a Castel San Lorenzo, suo paese d’origine e distante pochi chilometri da Aquara. Il funerale della 44enne si terrà domani pomeriggio nella chiesa madre di Castel San Lorenzo. Analoga sorte è toccata ad una donna di Pordenone che dopo aver messo in moto la sua Toyota per scaldare il motore, è andata ad aprire il portone del garage, quando si è voltata, ha visto la vettura che in movimento, diretta verso la strada. Anche lei, come la 44enne salernitana, aveva dimenticato di inserire il freno a mano.

La donna ha tentato di fermare la vettura, inutilmente ed è rimasta schiacciata contro il muretto ed è morta. La tragedia si è consumata questa mattina intorno alle 9.30 in via della tessitura a Pordenone. Vittima una donna di 38 anni, Katia Matteo, impiegata al Centro Logistica dell’Interporto.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)