Il nuovo modo di leggere Napoli

Giovane donna di Ponticelli in coma dopo un intervento di aumento del volume del seno

di / 0 Commenti / 958 Visite / 12 marzo, 2017

In fin di vita per un intervento di chirurgia estetica.

intervento-senoA.R., una giovane mamma di 33 anni, originaria del napoletano quartiere Ponticelli, è ricoverata in condizioni disperate nel riparto di rianimazione neuro-interventistica del Cto dove combatte tra la vita e la morte per un’edema cerebrale insorto dopo un arresto cardiaco avvenuto durante la fase post-operatoria.

La donna era rivolta alla clinica Grimaldi di San Giorgio a Cremano per sottoporsi ad un intervento di aumento di volume del seno. Un’operazione effettuata privatamente, considerata a basso rischio chirurgico.

Invece, qualcosa è andato storto: i medici, compresi i sanitari del Monaldi e del Cto che hanno accolto la donna dal 118, inscrivono nel recinto vago e inquietante che in Medicina si considera inspiegabile.

A denunciare la vicenda è l’avvocato Angelo Pisani. «L’intervento era andato bene – racconta con angoscia il suocero della donna – mia nuora era tornata in stanza, nel reparto di degenza, stava bene, ha anche parlato con sua mamma e mio figlio, il marito. Poi a un certo punto ha manifestato sonnolenza. Abbiamo pensato fosse stanca, conseguenza dello stress dell’intervento. Quindi ci siamo accorti che era pallida ed aveva le labbra livide. Abbiamo immediatamente dato l’allarme: i sanitari della clinica accorsi in stanza hanno riscontrato un arresto cardiaco e dopo aver chiamato gli anestesisti hanno effettuato il massaggio cardiaco rianimandola. Poi non abbiamo saputo più nulla. È stata trasferita, ci hanno detto che stava meglio ma non era vero». Anche se il cuore della donna è tornato subito a battere, non ha più ripreso conoscenza. La clinica Grimaldi non ha un reparto di rianimazione pertanto è stato allertato il 118 per il trasferimento in un centro attrezzato.

Durante il pomeriggio di giovedì 2 marzo, in prima battuta, a Napoli e provincia non c’erano posti liberi. Successivamente ha dato disponibilità l’azienda dei Colli (Monaldi, Cotugno, Cto). Quindi il trasferimento d’urgenza al Monaldi in rianimazione cardiologica.

 

 

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)