Il nuovo modo di leggere Napoli

Universiadi 2019: Napoli capitale dello sport

di / 0 Commenti / 79 Visite / 13 ottobre, 2017

1761778_uniovvvvDal 3 al 14 luglio 2019 a Napoli e in altre città della Campania (Avellino, Caserta, Salerno, Benevento, Nocera, Aversa, Pozzuoli, Eboli) si svolgeranno le tanto attese Universiadi.

Napoli e la Regione Campania si avviano alla grande sfida di ospitare le Universiadi del 2019, che per la quinta volta tornano in Italia, 60 anni dopo la prima edizione disputata a Torino nel 1959.

La presentazione dell’evento sportivo, si è svolta lo scorso 11 ottobre presso il restaurato Salone d’Onore del Coni, alla presenza del numero uno del Comitato olimpico nazionale italianoGiovanni Malagò, del ministro per lo SportLuca Lotti, del governatore della Campania,Vincenzo De Luca, dei presidenti dell’AruRaimondo Pasquino, del CusiLorenzo Lentini, della Fisu (International University Sport Federation) Oleg Matytsin, e della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CruiGaetano Manfredi.

“Oggi è una giornata importante, da oggi ci mettiamo la faccia”, ha detto Malagò, sottolineando la presenza nel board del segretario generale del ConiRoberto Fabbricini, e del campione del mondo ’82Marco Tardelli: “Da oggi dovremo remare insieme per far fare bella figura a Napoli, alla Campania, all’Italia e al mondo sportivo”, ha rimarcato Malagò, evidenziando però “la grande urgenza” sul restauro degli impianti sportivi. Sono previsti 80 impianti e spazi sportivi (affascinante il villaggio degli atleti galleggiante, su due o tre navi da Crociera attraccate al porto di Napoli), 270 i milioni di euro erogati, 100 dal governo e 170 dalla Regione Campania: “Da domani inizia un lavoro ferreo che va oltre i colori delle amministrazioni – ha rilevato Lotti – Vogliamo dimostrare al mondo che l’Italia è in grado di organizzare grandi eventi”.

In tutto 18 discipline olimpiche in programma, 170 le nazioni coinvolte: “Abbiamo un anno di tempo per realizzare le opere – ha rilevato De Luca – Dovremo chiedere alle imprese di lavorare anche di notte. Ci aspettiamo una ricaduta sull’economia 10 volte superiore all’investimento”. Il tema degli impianti è stato approfondito anche dal presidente del Cusi: “Non mi illudo che sarà una partita facile ma i compagni di viaggio sono forti e non occasionali”, le parole di Lentini. Anche Oleg Matytsin, numero uno della Fisu ne è certo: “L’Italia ha una grande tradizione in campo sportivo e universitario e sappiamo che qui i grandi eventi sportivi sono stati organizzati nel modo migliore. La nostra prima sfida è il tempo, possiamo lavorare bene insieme. Sono sicuro che l’Universiade di Napoli sarà unica nel suo genere”.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)