Il nuovo modo di leggere Napoli

Baby gang: denunciati due membri della baby gang che domenica sera ha aggredito un 16enne

di / 0 Commenti / 93 Visite / 18 gennaio, 2018

3485011_0925_napoli_babygang_metro_policlinicoLa Polizia di Stato di Napoli ha individuato e denunciato due minori, entrambi residenti a Marano di Napoli, che la sera di domenica scorsa, nei pressi della stazione Policlinico della metropolitana, senza motivo, hanno insultato, aggredito e preso a pugni un sedicenne che ha riportato la rottura del setto nasale. Ciro, la giovane vittima, intorno alle 21,30, insieme ad altri compagni, stava tornando a casa dopo una partita di calcetto.

Alle forze dell’ordine riferì di essere stato avvicinato da un gruppo di ragazzi, di età compresa tra 16 e 18 anni, che non conosceva, i quali prima hanno iniziato ad insultarlo, poi lo hanno colpito al volto con un pugno, rompendogli il naso.

Determinanti, per risalire all’identità dei due minori, le targhe di scooter e le testimonianze di alcuni coetanei.

La loro vittima, Ciro, un 16enne dei Quartieri Spagnoli, tornava a casa in compagnia di amici dopo una partita di calcetto quando all’altezza di largo Cangiani è stato avvicinato da un gruppo in sella a tre ciclomotori che ha cominciato a insultare e a lanciare oggetti contributo di loro. Una provocazione cui il 16enne e i suoi compagni non hanno dato seguito, proseguendo per la loro strada.

All’altezza della fermata del metrò, proprio il 16enne è stato afferrato alle spalle da un giovane dalla carnagione scura e capelli con acconciatura rasta neri e lunghi, che, spalleggiato da un altro, gli ha sferrato un violento pugno al volto provocandogli un trauma cranico facciale con frattura delle ossa del naso.

Gli amici del 16enne sono riusciti a fuggire e hanno chiesto aiuto al personale di vigilanza della metropolitana. Grazie al sistema di rilevamento delle targhe, la polizia è arrivata ai proprietari di due ciclomotori, i genitori di due minorenni che sono stati ascoltati come persone informate dei fatti e che, sottolineano gli investigatori, sono estranei all’ accaduto, anche se in grado di riferire quanto accaduto. Sulla base dei loro racconti e di altre indagini si è arrivati all’identificazione dei due minori ritenuti autori dell’aggressione che ora devono rispondere di concorso in lesioni aggravate.
Le indagini continuano per risalire all’identità dell’intero ‘branco’.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)