Il nuovo modo di leggere Napoli

Parco Verde di Caivano: aggressione a Brumotti e troupe di “Striscia”, arrestato un 41enne

di / 0 Commenti / 227 Visite / 6 febbraio, 2018

brumottiL’aggressione a Vittorio Brumotti e alla troupe del tg satirico di Canale 5 “Striscia La Notizia”, avvenuta lo scorso 11 gennaio al Parco Verde di Caivano, ha fatto molto discutere.

Ad aggredire Brumotti, impegnato nella realizzazione di un servizio per lo spaccio di droga nel quartiere della cittadina a Nord di Napoli, fu un gruppo di persone del posto tra i quali spiccava anche un ragazzino che avrebbe lanciato una sedia contro la vettura di Brumotti.

Nella serata di lunedì 5 febbraio, nell’ambito di indagini coordinate dalla Procura di Napoli Nord, i Carabinieri della Tenenza di Caivano hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Napoli Nord, nei confronti di una persona di anni 41, residente in Caivano, gravemente indiziato dei reati di violenza privata aggravata e danneggiamento, commessi in concorso con altri soggetti in corso di identificazione.

Il 41enne, secondo la ricostruzione accusatoria avvalorata dal GIP, si rendeva protagonista di diverse condotte intimidatorie nei confronti dei giornalisti, colpendo ripetutamente l’autovettura – nella quale questi ultimi si erano rifugiati per sfuggire all’aggressione – con continue gomitate, cercando di distruggerne lo specchietto retrovisore esterno finendo, così, per danneggiarne visibilmente la carrozzeria.

La condotta violenta non giungeva ad ulteriori conseguenze solo grazie alla blindatura dell’autoveicolo ed al pronto intervento del personale dell’Arma dei Carabinieri che nel frattempo era sopraggiunto. Dopo accurate indagini e numerosi servizi di osservazione e controllo delle zone abitualmente frequentate dall’indagato, i Carabinieri, delegati all’esecuzione del provvedimento restrittivo, riuscivano a rintracciarlo all’interno degli isolati del Parco Verde, recuperando, a seguito di perquisizione presso la sua abitazione, anche gli indumenti indossati il giorno dell’aggressione.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)