Il nuovo modo di leggere Napoli

Ordinativi e fatturato, 2017 molto positivo per le imprese italiane

di / 0 Commenti / 107 Visite / 3 aprile, 2018

industria_robotica_alfa-romeo_giulia_bloomberg-u20437913002lqb-835x437ilsole24ore-webPositivi i dati per fatturato e ordinativi delle imprese italiane nel corso del 2017. I dati rilasciati pochi giorni fa dall’Istat, l’Istituto italiano di Statistica, portano un’importante schiarita sulla situazione del tessuto economico nazionale, evidenziando come le performance dei due indicatori siano state le più alte dopo la crisi internazionale iniziata nel 2008.

Fatturato e ordinativi in crescita

Positivi i dati relativi a fatturato e ordinativi 2017 delle imprese italiane targati Istat. Dopo la difficile crisi economica internazionale, iniziata nel corso de 2008 e che ha visto nel crollo della banca d’affari statunitense Lehman Brothers il suo punto più critico, i dati tornano positivi, molto positivi. Soffermandosi sui dati, infatti emerge una situazione che si caratterizza per una crescita del 5,1 per cento del valore del fatturato – la migliore a partire dal 2011 – e per un aumento relativo agli ordini (dati grezzi) del 6,6 per cento. Ancora, l’indice complessivo del fatturato (110) è così tornato al livello più alto dall’ottobre del 2008, proprio quello successivo al fallimento bancario che può riflettere l’inizio del periodo più complesso per il tessuto produttivo internazionale. Certo, il dato è ancora lontano dagli oltre 117 punti fatti toccare dalle imprese del made in Italy proprio nell’estate 2008. Da qui la cautela nelle dichiarazioni del Codacons, l’associazione nazionale dei consumatori, che guarda in modo favorevole alla strada imboccata sottolineando, però,  che è presto per festeggiare i ritorni al livello pre-crisi.

Un’industria che cambia

Quel che è certo, però, è che rispetto all’inizio della crisi il tessuto produttivo nazionale ha avviato un percorso di trasformazione importante. La crescita, infatti, è legata anche alla capacità di molte piccole e medie imprese di adattarsi ai dettami della Quarta Rivoluzione Industriale, favorendo i processi di digitalizzazione aziendali.

Una trasformazione che rede le imprese più snelle, funzionali e competitivi anche grazie al ricorso a strumenti come il programma per preventivi di Fatture in Cloud che accelera alcune fasi della produzione, abbattendo l’eccesso di burocrazia.
Export volano della crescita
A trainare il fatturato delle imprese italiane è soprattutto l’export. Gli affari, infatti, del made in Italy crescono soprattutto grazie all’estero (con un fatturato che registra un aumento del 6,1 per cento). Va bene, però, anche in Italia, dove il fatturato cresce del 4,6 per cento. La ripresa del mercato interno è data anche dall’analisi degli ordinativi, dove estero e Italia presentano dati allineati. A dicembre si registra il terzo incremento congiunturale consecutivo (+2,5 per cento) del fatturato. Anno su anno la ripresa è nettamente più sensibile: +7,2 punti percentuali. Bene anche gli ordinativi che mese su mese crescono del 6,5 per cento, anno su anno invece aumentano del 6,9 per cento.
Le dinamiche nel dettaglio
A trainare la ripresa è sì l’export ma il mercato interno, come visto, fa be sperare. A dicembre, infatti, il fatturato domestico cresce del 2,9 per cento, quello estero dell’1,9 per cento. Gli ordinativi fanno registrare incrementi per entrambi i mercati (+7,6 per quello interno e +5,1 per cento per l’estero). Meglio di tutti fa il comparto energia che cresce del 5,7 per cento sul mese precedente. Anno su anno, invece, fanno molto bene i settori elettronica e apparecchiature elettriche, che fanno registrare aumenti superiori al 20 per cento.

 

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)