Il nuovo modo di leggere Napoli

Domenica 22 luglio a Capodimonte: Napoli nel Cinema con “L’uomo in più” di Sorrentino e concerti del Luglio Musicale

di / 0 Commenti / 168 Visite / 21 luglio, 2018

cinema_1Tanti gli eventi in programma domenica 22 luglio a Capodimonte: alle ore 19 sul Belvedere il concerto del Luglio Musicale e alle 21 sulle praterie della Fagianeria il film L’uomo in più di Paolo Sorrentino. Ingresso gratuito per entrambi.
Nel Museo proseguono le mostre in corso: Carta Bianca, L’Opera si racconta e Incontri sensibili: Paolo La Motta guarda Capodimonte.

Domenica 22 luglio 2018 a Capodimonte – Napoli nel Cinema e concerti del Luglio Musicale

Appuntamenti per tutta la famiglia domenica 22 luglio 2018, al Museo e Real Bosco di Capodimonte: Cinema all’aperto con Napoli nel Cinemaed il concerto Mandolini all’opera per il Luglio Musicale.

Ecco tutti gli appuntamenti nel dettaglio.


22 luglio ore 19.00 – Luglio Musicale con il concerto Mandolini all’opera (Belvedere)

Quarto appuntamento con il Luglio musicale domenica 22 luglio ore 19.00 con il concerto di NapoliMandolinOrchestra, “Mandolini all’opera”. In programma: Il Barbiere di Siviglia, Rossiniana, Vincenzo Bellini, Norma, La Traviata, la Danza, Rimembranza napoletana, Tarantella, Napoli e le sue Gemme, Echo de Naples, Souvenir di Sorrento e la Gazza ladra.

22 luglio, ore 21.00 – Napoli nel Cinema proiezioni cinematografiche gratuite, zona Fagianeria

L’uomo in più, 2001 di Paolo Sorrentino. Presentato dall’attore e regista Andrea Renzi (durata 100 minuti)

Cinema all’aperto fino al 25 luglio 2018 con Napoli nel Cinema nel cuore del Real Bosco di Capodimonte, sulle praterie antistanti l’edificio della Fagianeria, attrezzate per l’occasione come una grande area cinematografica con sdraio e sedie da regista che renderanno più confortevole la visione dei film, insieme a stuoie messe a disposizione del pubblico nelle piacevoli fresche sere d’estate.

Ne L’uomo in più, 2001 di Paolo Sorrentino, Antonio Pisapia è un calciatore all’apice della propria carriera, Antonio “Tony” Pisapia è un cantante di musica leggera; entrambi sembrano avere il mondo ai loro piedi. Tony cantante è cinico, spavaldo, egocentrico; Antonio calciatore è timido, chiuso, fondamentalmente ingenuo e triste. “Mi sono svegliato tardi”, dice Tony Pisapia, e il senso di inadeguatezza nell’affrontare la scomparsa del sogno accompagna i due protagonisti. E il fallimento incide la volontà e l’orgoglio. Tony, che solo pochi anni prima riempiva i teatri, canta ora, in una delle scene più cupe, in una piazza gelida e semi vuota. E il calciatore perde l’uso del ginocchio, la squadra, la donna, rimanendo solo con le proprie ossessioni.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)