Il nuovo modo di leggere Napoli

5 cose da fare nel Gavi in autunno

di / 0 Commenti / 144 Visite / 24 settembre, 2018

forte_di_gaviI suggestivi colori dell’autunno rendono il territorio del Gavi in Piemonte un luogo magico, perfetto per concedersi una pausa di relax immersi nel verde tra dolci colline, lunghe distese di vigneti e campi coltivati. Punto di partenza ideale per la scoperta delle bellezze del Gavi è Locanda la Raia, che organizza wine tour, degustazioni gastronomiche e lezioni di cucina. Da qui si può anche partire per percorsi in bicicletta e itinerari culturali nei vicini borghi ricchi di storia. Ecco nel dettaglio 5 attività da non perdere!

1. Soggiornare in una Locanda immersa nel verde
Locanda la Raia, un tempo posteria e luogo di sosta per i viaggiatori, è un’accogliente dimora di dodici camere circondata dai vigneti, i pascoli e i boschi di una grande tenuta agricola biodinamica che ospita anche una scuola steineriana e una fondazione d’arte, con opere site specific di artisti internazionali. Le camere, dallo stile semplice e al tempo stesso sofisticato, dialogano con l’esterno e si affacciano sui vigneti per regalare agli ospiti un dolce risveglio. È presente anche una piccola Spa con la piscina riscaldata interna ed esterna, la sauna e il bagno turco, dove gli ospiti possono concedersi un trattamento, affidandosi a mani esperte e lasciandosi coccolare per rigenerare corpo e mente. Non c’è miglior luogo di questo per prendersi un po’ di tempo per sé e ritrovare il benessere in armonia con la natura.

2. Wine tour e degustazioni di vino
Il Wine Tour dell’Azienda Agricola La Raia è un appuntamento imperdibile per chi sceglie di trascorrere un soggiorno a Locanda La Raia. Da lì, infatti, basta prendere un piccolo sentiero che porta ai vigneti per entrare in un panorama unico, tra filari di Cortese e di Barbera, siepi, campi coltivati e macchie di bosco. Il tour si conclude nella cantina in terra cruda, realizzata dal noto architetto Martin Rauch, per una degustazione di vini biodinamici La Raia e di Tenuta Cucco, azienda in Serralunga d’Alba di proprietà della famiglia Rossi Cairo.

3.Lezioni di cucina
Per vivere il territorio è importante scoprire anche la cucina del luogo e, perché no, imparare alcune ricette. Locanda La Raia organizza corsi di cucina per far scoprire, e far assaggiare, gli ottimi prodotti locali, apprendere la tecnica di realizzazione, comprendere la scelta degli ingredienti e imparare i procedimenti di cottura delle pietanze. Gli ospiti avranno l’occasione di collaborare con gli Chef di Locanda, che ogni giorno propongono una cucina autentica e tradizionale. Sulla tavola sono presenti cibi stagionali locali quali i cereali, la carne di Fassona, i salumi e i formaggi e molto altro.

4. Itinerari culturali
La zona del Gavi, che si estende dal Piemonte fino al confine con la Liguria, ha un passato ricco di storia, fatto di borghi, castelli e fortezze. Vale dunque la pena passeggiare per le strade di Novi Ligure alla scoperta dei molti palazzi nobiliari dipinti. Gavi è sede dell’omonimo e suggestivo Forte, costruito sulla sommità di una collina e in parte scavato nella roccia, della chiesa di San Giacomo nel centro storico e dell’antico Molino del Neirone. Da non perdere la città romana di Libarna, sorta nel II secolo a.C. lungo la via Postumia, la strada che collegava Genova ad Aquileia, dove oggi è possibile visitare gli scavi archeologici che hanno riportato alla luce antiche bellezze. Scendendo verso la piana dell’Albedosa si apre un’ampia vallata di vigne e orti, dove sorge l’Abbazia di San Remigio, importante centro di potere e di produzione culturale nell’Alto Medioevo, oggi vessillo ed edificio storico.

5. Attività nelle colline del Gavi
Il territorio del Gavi è lo scenario ideale per praticare escursioni in bicicletta e propone diversi itinerari adatti al cicloturismo. Percorrere le strade di Fausto Coppi, nei luoghi in cui è nato e vissuto, vuol dire vivere un’esperienza unica e immergersi in un contesto paesaggistico sorprendente, dove le strade lambiscono i vigneti. A Novi Ligure il Museo dedicato a Fausto Coppi e Costante Girardengo racconta la storia del ciclismo e della bicicletta. E ancora passeggiate a cavallo e trekking lungo i sentieri della Val Borbera e Val Lemme.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)