Il nuovo modo di leggere Napoli

Noleggio con conducente a Roma: consigli, indicazioni e suggerimenti

di / 0 Commenti / 169 Visite / 14 novembre, 2018

banner03Negli ultimi tempi si sente parlare sempre più spesso di un servizio che si chiama N.C.C  che è un acronimo e che significa Noleggio con conducente e questo tipo di possibilità è molto usata a Roma, in quanto è una città molto in difficoltà dal punto di vista dei servizi  e dei trasporti pubblici.

Questa opzione è un’alternativa al taxi, anche se molti la confondono. Però tanti professionisti la usano perché hanno la necessità per motivi di lavoro di spostarsi continuamente in città per meeting, riunioni con colleghi e appuntamenti vari. Rispetto al servizio con il taxi hanno la possibilità di mettersi d accordo prima con l’autista e creare anche un rapporto di fiducia, che farà si che vorranno ripetere l’esperienza con loro.
Si può parlare di noleggio con conducente, abbreviato con l’acronimo NCC, quando il colore dell’automezzo è deciso dal titolare dell’impresa, scelta assecondata delle esigenze o dalle richieste della clientela, che in genere è fissa e continuativa.

Ovviamente per potersi permettere un autista privato sempre a disposizione bisogna essere ricchi o almeno benestanti, soprattutto nel caso in cui lo si vuole sette giorni su 7. Infatti in alcuni casi l’autista privato viene chiamato solo in alcuni casi di estrema necessità e quindi la spesa è minore.

Noleggio con conducente Roma: differenze
Molti pensano che il cosiddetto noleggio con conducente e il servizio Taxi siano la medesima cosa, ovvero il trasporto di persone dal punto A al punto B, ma in realtà non è così, pur avendo delle similitudini. Entrambi svolgono il medesimo servizio, ma ci sono differenze significative che fanno prediligere l’uno o l’altro, e spesso non si tratta di prezzo..
Nelle grandi città Italiane, il taxi cittadino, si distingue dalle modifiche apportate alle auto destinate a questo servizio, colore unico, numero di autorizzazione, scritte laterali (in molti casi con numero radiotaxi o pubblicità), stemmi del Comune di appartenenza, tassametro, turni di servizio e quello che viene chiamato “pappagallo” ovvero, la scritta TAXI applicata sul tetto dell’autovettura.
SI ha invece il caso di noleggio con conducente, abbreviato con l’acronimo NCC, quando il colore dell’automezzo è deciso dal titolare dell’impresa, scelta assecondata delle esigenze o dalle richieste della clientela, che in genere è fissa e continuativa.
Il servizio di Noleggio con conducente, abbreviato NCC, è una particolare forma di trasporto regolamentata dal Ministero dei Trasporti nel 1992.
Sebbene in un primo momento le differenza tra taxi ed NCC possano sembrare relative, sono invece ben definite e importanti.
A differenza dei taxi il Noleggio con Conducente è un “servizio di rimessa” e non un servizio di trasporto di linea, nel senso che non è possibile trovare un NCC al di fuori di un aeroporto ad aspettare. Un’altra grossa differenza è data dal fatto che il rapporto tra cliente e noleggiatore inizia prima dell’arrivo nel posto.
Infatti di solito con il taxi succede che si chiama un numero al momento del bisogno e lo si aspetta nel posto in cui si è. Invece la discussione e la trattativa con il noleggiatore inizia prima: ci si mette d ‘accordo sull’orario, il prezzo e la tratta e ci si vede nel momento e nel luogo concordato.
Questo farà si che non ci saranno perdite di tempo, equivoci e cose simili.
Ma si deve anche specificare che il noleggio con conducente ed il taxi hanno le stesse agevolazioni legate alla circolazione stradale, possono percorrere corsie preferenziali e zone traffico limitato ZTL,  possono circolare anche nei giorni di blocco del traffico ma esclusivamente durante gli orari di servizio, altrimenti sono soggetti a sanzioni
Essere autista noleggio conducente Roma: requisiti
La chiave del successo per un autista privato risiede quindi soprattutto nella sua credibilità e nella sua capacità di relazionarsi con le persone.
 La fiducia dei clienti va conquistata e non è un’impresa molto semplice nel senso che ci vuole tempo e impegno, anche perché magari sono persone che affidano all’autista privato tante responsabilità, anche per esempio relative ai figli.
Ci vogliono delle caratteristiche particolari come per esempio  cordialità, educazione e tranquillità e anche capacità comunicative, anche se non è detto che il cliente voglia fare amicizia, in quanto è una cosa soggettiva.
Sono  anche importanti serietà, la credibilità, una grande professionalità e tanta gentilezza ed empatia.
Lavorare come autista in un noleggio conducente Roma permette di godere di una particolare alchimia di privilegi che difficilmente si trova in altre situazioni. Per esempio permette di poter utilizzare veicoli di alto livello e qualità, che risulta una cosa molto bella per chi ha la passione per le auto.
Inoltre da la possibilità di lavorare con persone prestigiose e facoltose, a vantaggio della propria situazione economica.
Per iniziare un’attività di NCC è necessario essere in possesso di precisi requisiti personali che prevedono:
  • Avere compiuto 21 anni di età
  • Non avere patologie che compromettano al capacità di guida
  • Non avere carichi penali pendenti
  • Essere in possesso della certificazione di abilitazione professionale CAP, oltre alla patente relativa alla tipologia di veicolo che si intende guidare

Noleggio con conducente Roma: differenze con Uber
Uber, il servizio di trasporto automobilistico privato che mette in collegamento diretto passeggeri e autisti tramite un’app, è sbarcato ufficialmente in Italia tre anni fa, debuttando a Milano. Da allora il servizio di ‘car sharing’ è attivo in alcune delle principali città italiane, come Roma e Firenze, ma in più occasioni è finito nel mirino dei tassisti, arrivando persino nelle aule di tribunale.

Fondato da Travis Kalanick e Garrett Camp nel 2009, Uber venne lanciato ufficialmente a San Francisco nel 2010, per poi approdare in varie città di tutto il mondo. Un po’ taxi, ma senza licenza, un po’ servizio di noleggio auto con conducente, chiunque (o quasi) sia.

Ma come funziona Uber? Per prima cosa occorre scaricare l’applicazione, disponibile gratuitamente tramite l’Apple Store per i dispositivi iOS o sul Play Store per i dispositvi Android. Una volta scaricata, per richiedere un passaggio basta toccare le opzioni di viaggio e visualizzarne così gli orari, le dimensioni delle auto e i prezzi delle corse.. Quindi va inserito il punto di partenza della corsa, toccare ‘Invia richiesta’ e l’autista arriverà in pochi minuti.
Per un servizio impeccabile rivolgiti a loro
 https://www.fiumicinoaeroporto.it/

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)