Il nuovo modo di leggere Napoli

Cosa dicono gli esperti sul mercato azionario 2019

di / 0 Commenti / 116 Visite / 29 aprile, 2019

screen-shot-2018-09-29-at-16-47-34 Il mercato azionario sta ottenendo buoni risultati sotto la presidenza di Donald Trump, soprattutto grazie alle massicce agevolazioni fiscali concesse alle società. Ma, come abbiamo iniziato a vedere alla fine del 2018, questi sgravi fiscali sono stati compensati da tariffe per molte aziende.
Statisticamente, le azioni diminuiranno e aumenteranno in media del 10% l’anno prossimo.
Le oscillazioni del mercato azionario non sono l’unico indicatore che deve essere esaminato quando si prevede l’andamento del mercato. I mercati azionari aumentano e diminuiscono anno dopo anno, e un calo alla fine del 2018 potrebbe essere più una correzione che una grande preoccupazione per gli investitori.
Al contrario, alcune considerazioni per il prossimo anno:
Il PIL ha registrato un buon andamento nel 2018, raggiungendo i minimi di inflazione e un tasso di disoccupazione prossimo ai 50 anni. Gli analisti prevedono che le agevolazioni fiscali per le imprese diminuiranno quest’anno, e i tassi ipotecari sono in aumento, il che avrà un impatto sul settore immobiliare.
Le tariffe della Cina rimangono una preoccupazione, e la mancanza di lavoratori potrebbe iniziare ad avere un impatto sulle imprese che non riescono a trovare un numero sufficiente di dipendenti per riempire le loro fila.
Tutto questo indica una timida crescita del PIL, e questo potrebbe tenere sotto controllo i guadagni del mercato azionario.
Crescita dei guadagni elevatissima per rallentare la crescita dei profitti.
Le azioni americane hanno goduto di una rapida crescita per anni, ma come stiamo vedendo con Amazon, la crescita sta iniziando a rallentare un po’. Questo non significa che la crescita si fermerà, ma che una società è stata in grado di raggiungere una crescita del 30% o più del fatturato su base trimestrale.
Ma l’azienda è sotto una maggiore concorrenza e ha una quota di mercato così elevata che queste cifre di crescita potrebbero essere difficili da raggiungere.
La crescita dei ricavi sta rallentando fino al 20%, e anche se non è affatto male, i giorni con giganteschi stock di crescita stanno iniziando a svanire. Walmart e altri si stanno lentamente conquistando alcune delle quote di mercato di Amazon, ma per le grandi aziende, soprattutto nel settore tecnologico, stiamo assistendo a livelli di crescita del fatturato inferiori a quelli che abbiamo sperimentato negli ultimi anni.
Questa crescita più lenta porterà a maggiori fluttuazioni delle scorte, con perdite più consistenti quando si effettuano rilasci trimestrali.
Capitale a buon mercato: I finanziatori di impatto di capitale economico di maggio
L’aumento dei tassi d’interesse porterà i consumatori e le imprese a ridurre i prestiti. L’aumento dei tassi d’interesse renderà il prestito più costoso, e questo sarà solo l’inizio dei problemi. Un mercato del lavoro più stretto porterà anche a molti datori di lavoro che non saranno in grado di trattenere i talenti.
Salari più alti dettano il mercato del lavoro, e questo potrebbe causare un rallentamento della crescita occupazionale quest’anno.
I mercati globali bear sono possibili
E’ molto probabile che il mondo veda un mercato globale bear, e questo è dovuto principalmente ai picchi economici. Potrebbe non esserci un mercato bear drastico, e potremmo anche vedere un mercato toro nel 2019, ma un mercato bear è ancora una possibilità.
Il rallentamento del Brexit e dei mercati internazionali può portare a maggiori timori di investimento.
Le banche centrali svolgeranno un ruolo importante in questo contesto e, se l’aumento dei tassi continuerà, i consumatori non potranno permettersi mutui e prestiti, oppure gli istituti di credito potrebbero trovarsi con maggiori entrate.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)