Il nuovo modo di leggere Napoli

Riso e verza: la ricetta napoletana

di / 0 Commenti / 292 Visite / 28 febbraio, 2020

risotto-verza Riso e Verza, in lingua madre detto “Virz’e rise” è un primo piatto tipico della cucina campana povera: una minestra calda e cremosa in cui il riso cuoce lentamente nella verza precedentemente stufata, ammorbidita e ridotta in crema, impregnandosi di tutti i profumi e sapori. Corposa, avvolgente, il riso e verza è una delle pietanze più gettonate d’inverno, gustata ed apprezzata anche da chi non ama particolarmente le verdure.

Quella che vi proponiamo è la ricetta originale napoletana, tramandata di generazione in generazione. Il segreto di questo piatto sta nel cuocere perfettamente la verza, fino a farla diventare una crema, lasciandola sfaldare.

INGREDIENTI:

  • 1/2 verza
  • 180 gr di riso
  • 1 cipolla bianca piccola
  • 3/4  cucchiai di olio
  • 2 lt di brodo vegetale (che potete sostituire con acqua)
  • sale
  • 30 gr di parmigiano (facoltativo)

PREPARAZIONE:

Lavare la verza, affettarla e ridurla in pezzettini molto fini e sottili. Tritare finemente la cipolla, soffriggere in un tegame grande con l’olio, aggiungere la verza , girare e lasciare rosolare 1 minuto.

Aggiungere quindi acqua o brodo fino a coprire completamente la verza.

Abbassare il fuoco, coprire con un coperchio e lasciare stufare per 1 h circa, a seconda del tipo di verza e dalla durezza delle foglie. Se le foglie sono dure, la cottura potrebbe protrarsi anche per 2 h.

Durante la cottura, aggiungere acqua se la verza l’assorbe tutta, schiacciare con una forchetta per rendere il composto cremoso. A questo punto, se si vuole dare ulteriore sapore al piatto, aggiungere la scorza di parmigiano.

Cuocere per ancora 30 minuti fino a quando il composto non è completamente sfaldato.

Infine aggiungere il riso e un pochino d’acqua. Lasciar cuocere il riso.

Il Riso e verza è pronto quando è cremoso, morbido e completamente cotto.

Aggiungere un filo d’olio a crudo e del parmigiano grattugiato, se preferite, prima di servire in tavola.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)