Caffè, tre bevande mattutine più energizzanti e sono meno nocive

unnamed La maggior parte degli italiani e soprattutto dei napoletani, ha tassativamente bisogno di una tazza di caffè per svegliarsi, per fare il pieno di quella sferzata di energia necessaria per affrontare la giornata. Un rituale che per tante persone si ripete, più e più volte durante il corso della giornata, ma siamo sicuri che bere troppo caffè non comprometta la salute?

ADVERTISEMENT

secondo la Food and Drug Administration (FDA) americana, il caffè è qualificabile come una droga capace di dare dipendenza.

Negli Stati Uniti l’ottanta per cento degli adulti consuma caffeina tutti i giorni: un adulto ne consuma in media 200 milligrammi al giorno, che è più o meno la caffeina contenuta in due tazze di caffè da 150 milligrammi.

Uno Studio condotto in Ohio su un gruppo di studenti tra i 12 e i 13 anni, invece, ha dimostrato che i ragazzi ingerivano una media di 53 milligrammi di caffeina al giorno, ma che alcuni di loro ne assumevano più di 100 mg e soprattutto che la maggior parte non ne era consapevole, dato che la caffeina ingerita era contenuta in bevande gassate.

La FDA considera la caffeina come un “medicinale ampiamente utilizzato” e sebbene sia una droga, non pare causare danni nella maggior parte dei casi, per questa ragione i governi non la regolano.

Tuttavia, al pari di altre droghe, anche la caffeina può dare sintomi di astinenza e provocare disturbi da abuso di sostanze.

Secondo l’Associazione Americana di Farmacologia e Terapeutica Sperimentale, la caffeina contenuta nel caffè può colpire il sonno, alterare l’umore e il flusso sanguigno nel cervello, influire sul metabolismo e anche sui geni.

I consumatori assidui di caffè possono appurare la veridicità di queste affermazioni smettendo di assumere caffeina per più di sette giorni: calano i mal di testa dopo un iniziale periodo di astinenza; calano tensione muscolare e ansia; aumenta la capacità di concentrazione; ci sente più attivi la mattina; l’intestino funziona meglio; il sonno migliora.

E’ chiaro che questi effetti sono relazionati al consumo di quantitativi elevati di caffeina, non di certo di una sana tazza di caffè mattutina.

la-caffeina-fviu

Di seguito alcune bevande mattutine senza caffeina, ugualmente in grado di conferire quello sprint mattutino necessario per affrontare l’intera giornata.

Tè di kombucha: un tè verde fermentato che contiene probiotici, vitamina K-2, B-12 e acidi grassi. Per prepararlo occorrono: quattro litri di acqua; quattro filtri di tè nero; tre quarti di tazza di zucchero di canna; scoby (lieviti e batteri).

Preparazione: versare lo scoby in una boccetta di vetro e metterlo da parte. Scaldare l’acqua a fuoco lento e mescolare il tè. Aggiungere lo zucchero e scaldare per un quarto d’ora a fuoco lento. Lasciar raffreddare e poi versare il tutto in un recipiente di vetro.

Limonata: aiuta la digestione, disintossica e fa anche bene alla pelle. Aiuta anche a perdere peso, aumenta l’energia, previene i calcoli renali.

Per prepararla occorrono: tre limoni, un cucchiaio di miele d’api; un litro d’acqua; un cucchiaino di pepe di cayenna.

Preparazione: scaldare l’acqua in una pentola, insieme al succo ottenuto dai tre limoni: aggiungere un cucchiaio di mele e un cucchiaino di pepe. Lasciar raffreddare prima di bere.

Tè alla menta: una bevanda dal sapore e fresco e molto energizzante: Gli ingredienti per prepararlo sono: una tazza di tè verde o alla menta (deteinato); una tazza di acqua fredda; un bicchiere pieno di ghiaccio; un limone intero spremuto da poco; qualche rametto di menta fresca.

Preparazione: combinare tutti gli ingredienti in un mixer e poi versare il tutto in una bottiglia d’acqua.

Riuscirà mai un napoletano a sostituire il caffè con una di queste tre bevande?

 

ADVERTISEMENT
Succ.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi Articoli