Il nuovo modo di leggere Napoli

Medici ed infermieri dell’Ospedale del Mare si autotassano per comprare tute e mascherine

di / 2 Commenti / 5742 Visite / 26 marzo, 2020

Nelle stesse ore in cui il Governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha annunciato che dalla protezione civile sono arrivate 33.000 mascherine FFP2 e 2.729 mascherine FFP3, alla nostra redazione è arrivata un’altra testimonianza diretta da parte di chi questa guerra sfiancante contro un nemico invisibile la sta combattendo sul campo.

A parlare è un’infermiera del reparto di rianimazione dell’Ospedale Del Mare di Ponticelli:

“Mi occupo da giorni di pazienti “sospetti covid”, solo perchè in attesa di tamponi che non arrivano, ma radiologicamente e con quadro clinico da Sars-cov-2 . Siamo circa una ventina di infermieri più esperiti affiancati da 38 neoassunti alla prima esperienza. Ci alterniamo con loro nel seguire i pazienti di rianimazione “non infetta” per formarli e in più – solo

Le mascherine attualmente utilizzate all’Ospedale del Mare di Napoli dagli operatori e dai pazienti infetti

Le mascherine attualmente utilizzate all’Ospedale del Mare di Napoli dagli operatori e dai pazienti infetti

noi infermieri più anziani – ci facciamo carico di turni dalle 4/6 ore in rianimazione covid. L’azienda ci fornisce mascherine ffp2 solo per stare a contatto con i pazienti di questo reparto, dove un minimo errore o incidente – come il distacco di un tubo di ventilazione – potrebbe causarci problemi, così com’è successo a me, ma non sono stati presi provvedimenti. Solo il medico che intuba ha una mascherina ffp3, seppure la gestione successiva sia affidata a noi infermieri senza una protezione efficace.

 

L’azienda ci fornisce solo camici di sala operatoria che non sono sufficienti a proteggerci da rischio biologico e noi ci siamo autotassati per comprare tute, mascherine ed altro … siamo ormai al di sopra dei 1000 euro di spesa. È difficile tutta questa situazione, ci sentiamo soldati in trincea senza nessuna protezione, spesso siamo costretti a lavorare a

Le mascherine attualmente utilizzate all’Ospedale del Mare di Napoli dagli operatori e dai pazienti infetti

Le mascherine attualmente utilizzate all’Ospedale del Mare di Napoli dagli operatori e dai pazienti infetti

mani nude, mentre i nostri dirigenti vanno in giro con mascherine ffp3. Non siamo eroi, facciamo solo il nostro lavoro ed i 100 euro in più in busta paga che ci ha dato lo Stato li vorremmo restituire, perché ci sembrano solo una presa in giro. Siamo tutti giovanissimi e sembriamo mandati al massacro rispetto ad altre strutture …. andiamo avanti per il nostro buon senso e il nostro spirito di unione continua a darci la forza.

La nostra azienda sta costruendo al di fuori del nostro ospedale altri 72 posti di rianimazione, ma chi ci andrà a lavorare? Noi siamo 20 e non si nasce infermiere di rianimazione, non puoi improvvisarti … e per quanto cerchiamo di formare i nuovi, non riusciremo a farlo in tempo.

Come faremo? E se le ffp2 non bastano a proteggerci e ci ammaleremo??? Come faremo? Aiutateci … perché noi vogliamo aiutarvi, ma devono metterci nella condizione di farlo.

Grazie da un umile infermiera/soldato/carne da macello.

 

 

 

2 Commenti

  1. Ma non è vero che noi medici andiamo in giro con le ffp3, fortunatamente sono contingentate, perché a noi spettano, solo quando dobbiamo eseguire le pericolose, in termini di rischio di contagio, manovre di intubazione. Anche noi medici ci siamo autotassati per comprare materiale necessario.

    Avatar
  2. AIUTATECI PER FAVORE.
    Siamo tutti giovani e abbiamo mogli, mariti, figli, padri e madri.
    #filosofiaOdM #rianimazioneodm #Covid19
    Ma non è vero che noi Medici andiamo in giro con le ffp3 come se niente fosse, fortunatamente sono contingentate, perché a noi spettano, solo quando dobbiamo eseguire le pericolose, in termini di rischio di contagio, manovre di intubazione. Anche noi Medici Rianimatori dell’ Ospedale del Mare, ci siamo autotassati per comprare materiale necessario che non comprende le ffp3 ma le ffp2 e le poche ffp3 che ci servono, per effettuare tali importanti manovre salvavita, sono state date dal nostro Ospedale del Mare. Anche i Medici Rianimatori dell’Ospedale del Mare sono a rischio, non ci sono o forse sono già finite, abbastanza ffp3, ne per noi e ne per gli infermieri, per non parlare delle tute etc etc….. Anzi ne approfitto se qualcuno, tipo la Croce Rossa Italiana o le Misericordie o qualche altro Ente o qualche altra Anima Pia possa fornirci le N95 ffp3 e il restante materiale necessario, tute etc etc…. per poter lavorare, non solo per la Rianimazione ma anche per il Pronto Soccorso dove anche li i Medici e gli Infermieri sono nella stessa nostra situazione.

    Avatar

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)