Il nuovo modo di leggere Napoli

Martedì 31 marzo, giornata di lutto nazionale per le vittime di coronavirus

di / 0 Commenti / 215 Visite / 30 marzo, 2020

unnamed Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro ha firmato un a circolare che invita tutti gli edifici pubblici a esporre la bandiera italiana a mezz’asta nella giornata di martedì 31 marzo in segno di lutto per le vittime del coronavirus.

Un’iniziativa voluta per manifestare vicinanza ai familiari delle vittime, oltre che un momento di partecipazione nazionale al cordoglio delle comunità più colpite.

Una giornata di riflessione e preghiera.

Tantissimi gli italiani che in questi giorni di lockdown hanno esposto il tricolore fuori dai balconi delle loro abitazioni, per simboleggiare l’unità della nazione e il senso d’appartenenza dei cittadini che hanno saputo riscoprirsi vicini e solidali l’uno con l’altro in uno dei momenti storici più critici della storia del nostro Paese.

Bandiere a mezz’asta e minuto di silenzio osservato dal sindaco davanti al municipio in tutti i Comuni italiani, martedì 31 marzo alle 12, in segno di lutto e di solidarietà. Per ricordare le vittime del coronavirus, per onorare il sacrificio e l’impegno degli operatori sanitari, per abbracciarci idealmente tutti, per essere di sostegno l’uno all’altro, come sappiamo fare noi sindaci”. Con queste parole il presidente dell’Associazione nazionale Comuni italiani (Anci) e sindaco di Bari, Antonio Decaro, attraverso una lettera inviata a tutti i sindaci italiani li invita ad unirsi all’iniziativa lanciata dal presidente della Provincia di Bergamo, Gianfranco Gafforelli.
“Come succede sempre nelle grandi emergenze – sottolinea Decaro – noi sindaci, destinatari e custodi delle preoccupazioni dei cittadini e delle loro comprensibili angosce, siamo sottoposti alla forte pressione di avere la responsabilità di una comunità intera. Lo sconforto, che pure avvertiamo, non deve prevalere”.

“Reagiamo con forza – conclude il presidente dell’Anci – per trasmettere fiducia e speranza. Osserviamo il minuto di silenzio in segno di lutto per tutte le vittime e in segno di solidarietà per le comunità che stanno pagando il prezzo più alto”.

Un’iniziativa rilanciata anche sui social network con l’hashtag #iopartecipoioricordo con la quale si invita gli utenti a pubblicare il fiocco nero, in segno di lutto, sui propri profili social per esprimere cordoglio e vicinanza ai familiari delle vittime del coronavirus, rendendo omaggio alle tante, troppe persone decedute.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)