Il flash mob preannunciato nelle tre case circondariali napoletane non ha costretto l’amministrazione penitenziaria a rafforzare il personale già incrementato per le rivolte, ma il livello di attenzione resta comunque alto.